Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Confronto fra FIA quotati su MIV e non quotati.

La quotazione dei FIA consente infatti di sfruttare l’IPO per concentrare gli sforzi di distribuzione, aumentare la platea di investitori professionali (e non professionali in caso di FIA aperti al retail), ottimizzare le risorse disponibili e rendere più efficienti eventuali meccanismi di liquidazione anticipata delle quote (o azioni) di FIA.

 

FIA quotato su MIV

FIA non quotato su MIV

Base di investitori

  • Capace di attrarre una più ampia e diversificata base di investitori, inclusi gli asset owners
  • La quotazione su un mercato regolamentato elimina i limiti di investimento per i fondi istituzionali europei UCITS compliant
  • Parità di condizioni e trattamento per tutti gli investitori di una determinata categoria di strumenti
  • In grado di coinvolgere un limitato numero di investitori, in funzione delle relazioni personali dei proponenti
  • Limiti all’investimento in strumenti non quotati per alcuni investitori istituzionali europei
  • Condizioni contrattuali con gli investitori basate su relazioni individuali

Raccolta di capitale

  • Possibilità di “passaportare” un Prospetto approvato da un’Autorità europea in un altro Paese aderente
  • Possibili maggiori dimensioni dell’offerta e velocità della raccolta dei capitali
  • Alcune restrizioni a livello regolamentare europeo possono limitare la vendita all’estero
  • Raccolta potenzialmente più limitata e lenta

Visibilità

  • Elevata visibilità e profilo percepiti da una più ampia comunità di investitori e stakeholders
  • Profilo e track record percepiti solo da un gruppo limitato di investitori e stakeholders

Trasparenza

  • Obblighi di reporting e requisiti di trasparenza richiesti dal mercato
  • Flessibilità nella comunicazione e nel livello di trasparenza

Liquidità

  • Liquidabilità degli strumenti finanziari su una piattaforma di negoziazione
  • Il mercato secondario consente una regolare e continua formazione del prezzo
  • L’esistenza di un mercato secondario riduce l’impatto dello sconto liquidità
  • Limitata liquidabilità degli strumenti finanziari
  • Formazione del prezzo non trasparente
  • Gli investitori potrebbero chiedere uno “sconto liquidità” maggiore

Contatti: investmentvehicles@borsaitaliana.it

Modifiche al Regolamento dei Mercati

La Consob, con delibera n. 20906 del 2 maggio 2019, ha approvato le modifiche al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana deliberate dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 marzo 2019. Le Istruzioni al Regolamento (le “Istruzioni”) sono state conseguentemente modificate.

MIV: requisiti di quotazione

Scarica la presentazione:(pdffile pdf - 265 KB)


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.