Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Glossario finanziario - Free Cash Flow

Definizione

Il free cash flow rappresenta il flusso di cassa disponibile per l'azienda ed è dato dalla differenza tra il flusso di cassa dalle attività operative e il flusso di cassa per investimenti in capitale fisso.

Approfondimenti

La differenza tra i flussi di cassa in entrata da attività operative e i flussi di cassa in uscita per investimenti è nota come free cash flow (FCF). Esso è interpretabile come la parte di flussi di cassa da attività operative che residua (da cui il termine "free") dopo aver provveduto alle necessità di reinvestimento dell'azienda in nuovo capitale fisso.
Il flusso di cassa operativo è ottenuto sommando all'EBIT (Earnings Before Interest and Taxes) gli ammortamenti e la variazione (se negativa con segno più, se positiva con segno meno) del capitale circolante (ottenuto come differenza tra attività e passività correnti). Gli investimenti in capitale fisso sono sostanzialmente espressi dal valore di CAPEX (Capital Expenditure).
Si noti che FCF e utile netto non coincidono. Il free cash flow è l'elemento base che trova impiego nel metodo di valutazione DCF (Discounted Cash Flow Method) mediante l'attualizzazione all'appropriato costo del capitale (Weighted Average Cost of Capital).
Si noti, inoltre, che FCF non è una vera e propria misura di creazione del valore poiché confonde gli investimenti (e il valore dagli stessi creati) con i flussi di cassa generati da tali investimenti, ed è pertanto in parte un concetto di liquidazione. Un'azienda riduce i propri FCF investendo, e li aumenta riducendo i propri investimenti. Ma il valore di un'azienda aumenta all'aumentare degli investimenti, qualora gli investimenti siano profittevoli. I FCF sarebbero pertanto una misura di effettiva creazione di valore i flussi di cassa in entrata associati agli investimenti si realizzassero nello stesso periodo in cui si manifestano i flussi di cassa in uscita necessari per porre in essere gli investimentil.

Esempio

Si consideri l'azienda Gamma con i seguenti valori di Conto Economico nel 2004: EBIT = € 1246; Ammortamento = € 239. Dal raffronto tra i valori di Stato Patrimoniale di 2004 e 2003 si osserva quanto segue: Aumento dei crediti = € 105; Aumento delle rimanenze = € 56; Aumento dei debiti = € 78. L'azienda Gamma ha anche posto in essere acquisti di nuove immobilizzazioni materiali per € 200 e vendite di macchinari per € 22. Pertanto, FCF = 1246 + 239 - (105+56-78) - 200 + 22 = € 1224.

Acronimo

FCF

Nuova Ricerca

Free Cash Flow

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.