Parametri di Scostamento

Si ricorda agli operatori che, in base all'Articolo 4.3.9 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A., ai fini del controllo automatico della regolarità delle contrattazioni sono stabilite le seguenti tipologie di limiti di variazione dei prezzi:

Categoria Variazione massima prezzo proposte rispetto al prezzo statico Variazione massima prezzo contratto rispetto al prezzo statico Variazione massima prezzo contratto rispetto al prezzo dinamico
ETF obbligazionari ed assimilati
Senza leva Sottostante su tassi overnight (euro) ± 1% ± 0,25% ± 0,15%
Sottostante con scadenza media 0-1 anno (euro) ± 10% ± 0,7% ± 0,35%
Sottostante con scadenza media 0-1 anno (non euro)
Sottostante con scadenza media 1 – 3 anni
± 10% ± 1,5% ± 0,75%
Sottostante con scadenza media 3-10 anni ± 10% ± 2,5% ± 1,25%
Sottostante con scadenza media superiore 10 anni
Sottostante su corporate non investment grade
Sottostante su mercati emergenti
± 10% ± 3,5% ± 1,75%
Con leva ± 30% ± 5% ± 2,5%
ETF azionari ed assimilati
Senza leva ± 30% ± 5% ± 2,5%
Con leva ± 40% ± 10% ± 5%
ETC/ETN
Sottostante obbligazionario con leva massima pari a 3 ± 30% ± 5% ± 2,5%
Sottostante obbligazionario con leva superiore a 3 ± 40% ± 10% ± 5%
Su valuta senza leva ± 20% ± 10% ± 5%
Su valuta con leva ± 30% ± 12,5% ± 5%
Altri sottostanti senza leva ± 40% ± 10% ± 5%
Altri sottostanti con leva massima pari a 2 ± 60% ± 12,5% ± 5%
Altri sottostanti con leva superiore a 2 ± 60% ± 15% ± 7,5%

In base agli articoli 4.3.6 e 4.3.8 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A. si definiscono:

Prezzo di riferimento: è determinato da Borsa Italiana sulla base di un numero significativo di migliori proposte in acquisto e in vendita presenti sul book di negoziazione nel corso della seduta, tenendo in maggior conto le più recenti. Qualora non siano presenti sul book proposte di negoziazione, il prezzo di riferimento è pari al prezzo di riferimento del giorno precedente.

Prezzo Statico: è il prezzo di riferimento del giorno precedente; alla conclusione del primo contratto della seduta, il prezzo di tale contratto diventa il nuovo prezzo statico per il resto della negoziazione in continua.

Prezzo Dinamico: è pari al prezzo dell’ultimo contratto concluso nel corso della seduta.

Qualora durante la negoziazione continua il prezzo del contratto in corso di conclusione superi i limiti rispetto al prezzo statico o al prezzo dinamico, viene attivata l'asta di volatilità. La durata della fase di asta di volatilità è pari a 2 minuti, più un intervallo variabile della durata massima di 30 secondi, determinato automaticamente dal sistema di negoziazione in modo casuale. L’asta di volatilità attivata successivamente all’asta di apertura o in negoziazione continua può essere reiterata e ha comunque termine al momento di inizio della fase di asta di chiusura. L’asta di volatilità successiva all’asta di chiusura può essere attivata una sola volta.

Borsa Italiana può stabilire per ciascun strumento parametri di negoziazione diversi da quelli indicati nella tabella dandone comunicazione al mercato mediante Avviso.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.