Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Glossario finanziario - Price/Earnings

Definizione

Rapporto tra la quotazione (prezzo di mercato) dell'azione di una società e gli utili per azione. Si esprime anche come rapporto tra la capitalizzazione di borsa dell'emittente e gli utili conseguiti. E' noto sia come Price/Earnings (P/E) sia come Prezzo/Utile per Azione (P/U).

Approfondimenti

Indica quante volte il prezzo dell'azione incorpora gli utili attesi e quindi quante volte l'utile di una società è contenuto nel valore che il mercato le attribuisce. Quanto più P/E è alto, tanto maggiori sono le aspettative degli investitori sulla crescita della società. Infatti, un valore elevato di P/E indica che il mercato è disposto a pagare molto per avere il livello di utili al denominatore, in quanto crede nella capacità dell'azienda di incrementarli ulteriormente. Nell'ipotesi di utili costanti, P/E rappresenta il numero di anni necessari all'investitore per recuperare il capitale investito.
E' possibile calcolare diversi valori di P/E a seconda degli utili considerati: si parla di "trailing P/E" se si considerano gli utili realmente conseguiti dall'emittente e risultanti dall'ultimo bilancio di esercizio; si parla di "forward P/E" (o P/E anticipato) quando si considerano al denominatore gli utili attesi stimati dagli analisti per il primo anno successivo al momento della stima.
P/E è il multiplo più ampiamente utilizzato per i seguenti motivi:
a) E' una statistica intuitivamente attraente che collega il prezzo agli utili correnti;
b) E' semplice da calcolare e per la maggior parte dei titoli è ampiamente disponibile;
c) E' un'approssimazione di altre grandezze dell'azienda, quali crescita e rischio.
Questo indicatore presenta peraltro alcuni punti di debolezza:
a) Ae esso si associa uno sfasamento temporale tra utile e prezzo (confronto tra un dato contabile e un dato di mercato);
b) la politica gestionale e contabile seguita dal management delle società può, attraverso diverse politiche di ammortamento e accantonamento, influire sulla determinazione degli utili.
Il rapporto P/E non è un indicatore molto significativo per la valutazione delle società legate ad Internet e caratterizzate da una forte crescita. Infatti, per queste società i dati di bilancio annuale sono poco rappresentativi del tasso di crescita, che può subire incrementi trimestrali rilevanti (pari al 50% ed oltre). Per tener conto di questa crescita si considera un altro indicatore: "Price/Earning to Growth" (PEG).
Il valore medio di P/E con riferimento a tutte le azioni quotate sul mercato statenitense nel periodo 1981-1996 è stato pari a 17,5.

Esempio

Dal bilancio di esercizio del 2005 della società Sigma risulta un utile di € 5.000 II capitale sociale della società è suddiviso in 10.000 azioni. L'utile per azione è di: € 5.000 / 10.000 azioni = 0,5 euro/azione. Dal listino di Borsa risulta un prezzo di € 5 per le azioni della società Sigma. P/E = 5/0,5=10. Se si considerano gli utili costanti, gli investitori dovranno attendere 10 anni per recuperare il capitale investito.

Acronimo

PE

Nuova Ricerca

Price/Earnings

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.