Green, Social e Sustainable Bond

Nel 2015, in occasione della COP 21 (Conference of Parties, l’organo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici - United Nations framework convention on climate change, Unfccc), tenutasi a Parigi dal 30 novembre al 12 dicembre, sono stati sottoscritti dai governi di tutto il mondo alcuni accordi fondamentali e riferimenti chiave per lo sviluppo sostenibile.

La prima a prendere forma è stata l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU.

Essa ingloba 17 Obiettivi per lo Sviluppo SostenibileSustainable Development Goals, SDGs – in un grande programma d’azione per un totale di 169 “target” o traguardi. L’avvio ufficiale degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile ha coinciso con l’inizio del 2016, guidando il mondo sulla strada da percorrere nell’arco dei prossimi 15 anni: i Paesi, infatti, si sono impegnati a raggiungerli entro il 2030.

 

Sustainable development goals

 

Partendo da queste 2 importanti tappe, negli anni, accanto al tema ambientale, sempre maggiore rilevanza e attenzione da parte di tutte le comunità, non solo finanziaria, hanno inoltre assunto gli interventi in ambito sociale e le politiche e best practices in relazione alla governance delle nostre aziende.

Consapevoli della posta in gioco e di quali possono essere i comportamenti che impattano maggiormente su tematiche ESG, Borsa Italiana ha ritenuto da subito fondamentale aumentare la consapevolezza di tutti i soggetti che operano sui mercati dei capitali in merito alla centralità per il nostro futuro di divulgare e implementare processi e piani di sviluppo sostenibile.

Borsa Italiana, infatti, quale gestore dei mercati finanziari e facilitatore del dialogo fra gli emittenti e gli investitori, riveste un ruolo attivo nel promuovere e supportare nuovi modelli di finanza sostenibile.

Se da una parte, lato imprese, è in grande crescita il numero di soggetti che scelgono modelli di finanza che integrino criteri ESG all’interno del loro processo di sviluppo, dall’altra, lato investitori, è sempre più diffusa l’idea che propendere per tali modelli sia una scelta necessaria per un’efficace e vincente strategia di medio/lungo periodo.

Nasce così l’opportunità di emettere ed investire in strumenti finanziari i cui proventi siano destinati al finanziamento di progetti economicamente sostenibili, i cosiddetti Green, Social e Sustainable Bonds (di seguito Green e Social Bond).

Nella struttura dell'investimento i Green e Social Bond sono del tutto simili alle obbligazioni tradizionali, tuttavia nella destinazione dei proventi gli emittenti devono attenersi a linee guida stabilite secondo principi internazionali e condivise dagli operatori del mercato. La selezione del progetto da finanziarie segue un particolare procedimento nel rispetto di un predefinito elenco di categorie. In aggiunta, all’emittente è richiesta massima trasparenza nella comunicazione e nel reporting agli investitori riguardo l’avanzamento dei progetti finanziati.

Inoltre, per gli strumenti finanziari rientranti nella categoria Green e Social sono disponibili una serie di supporti per meglio identificarne ed analizzarne le caratteristiche in termini di classificazione secondo principi internazionali, destinazione dei proventi e reporting aggiornato sullo stato di avanzamento dei progetti.

In quest’ottica, il segmento Green e Social Bond di Borsa Italiana, trasversale tra i mercati MOT, ExtraMOT ed EuroTLX, offre l’opportunità agli investitori istituzionali e retail di individuare gli strumenti  i cui proventi vengono destinati al finanziamento di progetti con specifici benefici o impatti di natura ambientale (c.d.“green bonds”) e/o sociale (c.d. “social bonds”).  L’identificazione passa attraverso la certificazione iniziale di un soggetto terzo indipendente e il rinnovo, almeno annuale, dell’informativa riguardante l’utilizzo stesso dei proventi.

 

I vantaggi del segmento Green e Social di Borsa Italiana

icona green

I titoli vengono riconosciuti come Green, Social o Sostenibili sulla base di criteri oggettivi

icona green

Si beneficia della grande visibilità garantita dal brand dei mercati LSEG

icona green

E’ possibile consultare in maniera facilmente fruibile tutte le informazioni riguardanti l’utilizzo dei proventi

icona green

Si beneficia di una vera piattaforma di secondario in cui poter negoziare i titoli ad un fair price

icona green

Oltre 50 membri diretti che operano sui nostri mercati Fixed Income più un vasto numero di operatori interconnessi

icona green

Opportunità di networking e collaborazione attraverso l’accesso alla community dei mercati Fixed Income Borsa Italiana 

 

Nell’ambito della sua missione, Borsa Italiana è, infine, entrata a far parte della Sustainable Stock Exchanges Initiative sostenuta dalle Nazioni Unite con il fine di supportare la transizione ad un’economia a basso impatto ambientale. Inoltre, aderisce alla Climate Bonds Initiative ed è membro dell'ICMA, l'International Capital Markets Association, promotrice dei Green Bond Principles, dei Social Bond Principles e delle Sustainability Bond Guidelines.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.