Borsa Italiana utilizza i cookie per una migliore gestione del sito. I cookie utilizzati per fini statistici sono già stati impostati. Per ulteriori dettagli e per informazioni su come gestire i cookie, si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie.

  
English not available

Formazione

Sul mercato MOT è possibile negoziare obbligazioni in valute di denominazione diverse dall’euro. Attualmente, oltre alle valute più conosciute quali il Dollaro Americano (USD) e la Sterlina Inglese (GBP), si possono scambiare obbligazioni denominate in AUD (Dollaro Australiano),  HUF (Fiorino Ungherese), BRL (Real Brasiliano),  MXN (Peso Messicano), PLN (Zloty Polacco), TRY (Lira Turca) e ZAR (Rand Sudafricano).

La struttura del mercato MOT prevede una diversa gestione della liquidazione delle operazioni riguardanti questa tipologia di obbligazioni a seconda del segmento di quotazione dello strumento stesso. Se infatti sul DomesticMOT sono negoziati i titoli che liquidano, da regolamento di Borsa, in Euro attraverso il sistema di liquidazione nazionale Monte Titoli, sull’EuroMOT vengono invece trattate le obbligazioni che regolano le operazioni nella medesima valuta di denominazione del titolo, attraverso i sistemi di liquidazione esteri Euroclear e Clearstream Banking Luxembourg. Pertanto su quest’ultimo, le obbligazioni denominate in AUD regoleranno in AUD, quelli in TRY in TRY e così via per ciascuna valuta di denominazione associabile ad un determinato strumento.
Fatto salvo questo principio generale, è però possibile portare in quotazione un’obbligazione in valuta diversa dall’euro anche sul segmento DomesticMOT. Il regolamento di Borsa Italiana prevede per questa determinata casistica che, dovendo le operazioni concluse su questo segmento di mercato essere regolate in Euro attraverso Monte Titoli, i contratti vengano valorizzati in Euro sulla base del fixing della BCE relativo algiorno precedente la la conclusione del contratto.

Vi è poi un’ulteriore casistica relativa a obbligazioni denominate in valuta diversa dall’Euro, negoziate sul segmento EuroMOT che, da regolamento del prestito, prevedono il pagamento di interessi e capitale in valuta diversa da quella di denominazione e dall’Euro. Si tratta essenzialmente di obbligazioni la cui valuta di denominazione  non viene gestita dai sistemi di regolamento Euroclear e Clearstream Banking Luxembourg. Nel caso specifico dell’EuroMOT, tale situazione si verifica per le obbligazioni in Real Brasiliani (BRL). Per questi strumenti è lo stesso regolamento che determina la valuta di liquidazione dei contratti: ad esempio un bond in BRL può essere  emesso prevedendo il pagamento di interessi e capitale  in USD. In tal caso il tasso di cambio che verrà applicato alla singola operazione conclusa in BRL, ai fini di calcolare l’equivalente liquidabile in USD, sarà quello ottenuto attraverso il cross tra i tassi di cambio EUR/USD e EUR/BRL fissati dalla BCE il giorno precedente la conclusione del contratto.

Di seguito un semplice schema riassuntivo della gestione delle valute di liquidazione delle operazioni concluse sul mercato MOT:

 

Valuta di liquidazione DomesticMOT

Valuta di liquidazione EuroMOT

Titoli denominati in EURO

EURO

Valuta di denominazione del titolo

Titoli denominati in valuta diversa dall'EURO

EURO sulla base del fixing della BCE relativo al giorno precedente la conclusione del contratto

Valuta di denominazione del titolo

Titoli la cui valuta di denominazione non viene gestita come valuta di regolamento dai sistemi di liquidazione

EURO sulla base del fixing della BCE relativo al giorno precedente la conclusione del contratto

Valuta di liquidazione indicata nel regolamento dello strumento sulla base del tasso di cambio ottenuto attraverso il cross tra i tassi di cambio della BCE relativi al giorno precedente la conclusione del contratto, ovvero, del tasso di cambio rilevato e pubblicato dall'autorità competente indicata nel regolamento dello specifico strumento

Ultimo aggiornamento:  12 Dicembre 2012 - 12:45



 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.