Borsa Italiana utilizza i cookie per una migliore gestione del sito. I cookie utilizzati per fini statistici sono già stati impostati. Per ulteriori dettagli e per informazioni su come gestire i cookie, si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie.

  
English not available

Formazione

Il MOT (Mercato Telematico delle Obbligazioni) è l’unico mercato obbligazionario regolamentato italiano.

Nato nel 1994, MOT ha avuto tra le sue principali finalità quelle di agevolare l’accesso dell’investitore privato al mercato obbligazionario e di rendere piu efficiente l’operativita degli investitori professionali offrendo loro un sistema di negoziazione elettronico e completamente automatizzato dalla fase di inserimento della proposta di negoziazione sino alla liquidazione del contratto eseguito.

MOT è stato suddiviso in due segmenti, DomesticMOT ed EuroMOT, che si differenziano per il diverso sistema di liquidazione utilizzato. Sul primo segmento sono negoziati Titoli di Stato Italiani e altri titoli di debito liquidati attraverso il sistema di liquidazione nazionale, Monte Titoli; sul secondo sono invece negoziati essenzialmente titoli di stato esteri, sovranazionali ed eurobonds.

Il MOT prevede una struttura di mercato order driven, ovvero un modello in cui tutti i partecipanti al mercato (sia l’investitore retail attraverso la propria banca che l’operatore professionale) possono inserire la propria proposta di acquisto o vendita concorrendo direttamente alla formazione del prezzo. Per aumentare la liquidità del mercato è inoltre prevista la presenza facoltativa di operatori a sostegno delle negoziazioni, specialisti o specialisti in acquisto.
A supporto della trasparenza del mercato, Borsa Italiana pone in essere una costante attività di controllo e di vigilanza sul regolare svolgimento delle negoziazioni anche attraverso l’utilizzo di meccanismi automatici di controllo dei prezzi delle proposte di negoziazione e dei contratti.

Le negoziazioni avvengono inizialmente con modalità di asta e successivamente, fino al termine della giornata, in modalita di negoziazione continua. La fase di asta va dalle 8.00 alle 9.00 del mattino, quella di negoziazione continua invece dalle 9.00 alle 17.30. Durante la fase d’asta i contratti sono conclusi ad un prezzo teorico, determinato al termine dell'asta, che massimizza il quantitativo scambiato mentre durante la negoziazione continua sono conclusi mediante abbinamento automatico delle proposte in acquisto e in vendita ordinate in base al criterio prezzo/tempo.

Possono essere inserite proposte con o senza limite di prezzo (cd "al meglio"): le prime possono essere eseguite solo a prezzi uguali o migliori rispetto al limite indicato, le altre sono invece eseguibili al prezzo di mercato. Le proposte possono poi essere visibili per intero o parzialmente (cd ordini iceberg) e ad esse è possibile abbinare parametri di validita basati sul tempo (“valido fino alla data specificata”, “valido fino a cancellazione”, “valido solo in asta di apertura”) o sull’esito dell’ordine stesso (“esegui e cancella” oppure “esegui o cancella”).

I prezzi delle proposte di negoziazione possono essere multipli dei seguenti valori, i cosiddetti "tick": 1 millesimo per i titoli con vita residua inferiore o uguale a due anni, 1 centesimo per quelli con vita residua maggiore di due anni.

Il lotto minimo di negoziazione viene stabilito da Borsa Italiana solitamente in linea con il taglio minimo previsto nel regolamento del prestito e contemperando esigenze di funzionalita del mercato, di agevole accesso da parte degli investitori retail e di economicita nell’esecuzione degli ordini.

Le obbligazioni possono essere negoziate a “corso secco” o “tel quel”. Nel primo caso i prezzi non sono rappresentativi della componente interessi maturata fino a quel momento dall'obbligazione. Questo comporta che al momento della liquidazione del contratto, al prezzo di mercato venga aggiunto il rateo di interessi calcolato in automatico dal sistema. Sono negoziate “corso secco” le obbligazioni a tasso fisso e le obbligazioni a tasso variabile il cui parametro di indicizzazione è rilevato prima dell’inizio di godimento della cedola in corso. Nel secondo caso, invece, il prezzo di negoziazione dello strumento è rappresentativo anche degli interessi fino a quel momento maturati. Vengono trattate “tel quel” le obbligazioni zero coupon e le obbligazioni “strutturate” la cui remunerazione è collegata all’andamento, ad esempio, di azioni, indici o valute ovvero i titoli zero coupon.

 Per ogni strumento negoziato Borsa Italiana diffonde quotidianamente un prezzo ufficiale, dato dal prezzo medio ponderato dell’intera quantita dello strumento medesimo negoziata nel mercato durante la seduta  ed un prezzo di riferimento, calcolato invece come la media ponderata dei contratti conclusi durante gli ultimi 20 minuti della fase di negoziazione continua, rilevante anche ai fi ni del monitoraggio delle negoziazioni e per i meccanismi di controllo dei prezzi delle proposte.

 

Ultimo aggiornamento:  29 Aprile 2014 - 11:38

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.