Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Formazione Sotto la Lente

Cosa sono i BOT? Significato, asta e rendimento dei Titoli di Debito

FTA Online News,   27 Nov 2018 - 14:30

BOT: significato, funzionamento, asta e calcolo del rendimento annuale dei Buoni Ordinari del Tesoro. Tutto quello che devi sapere sui Titoli di Debito Pubblico.



SIGNIFICATO DI BOT

I BOT, Buoni Ordinari del Tesoro, sono titoli del debito pubblico italiano di breve termine, ossia con una vita a scadenza di 3, 6 o 12 mesi. In altri termini queste obbligazioni sono dei prestiti concessi dagli investitori allo Stato per un periodo molto ridotto.
Questo comporta un rischio minore per i sottoscrittori e un minore rendimento rispetto a scadenze più lunghe.
Data la loro breve vita, questi titoli vengono pertanto considerati strumenti di liquidità.
I BOT possono essere sottoscritti per un valore nominale minimo di 1.000 euro o per multipli di questa cifra.


TIPOLOGIA DEI BOT: TITOLI ZERO COUPON (SENZA CEDOLA)

I BOT rientrano nella tipologia di titoli “zero coupon” (senza cedola), come i CTZ. Questo significa che il rendimento di queste obbligazioni è basato non sul pagamento di una cedola (coupon), ma avviene con una remunerazione a scarto di emissione. Cosa significa?

Vuole dire che il titolo viene emesso a sconto, ossia pagato al momento della sottoscrizione per un valore inferiore a quello del valore nominale. L’investitore riceverà però a scadenza il valore nominale, quindi il suo guadagno sarà dato dalla differenza tra questo e quanto versato in fase di emissione o sottoscrizione.


RENDIMENTO DEI BOT IN UN ESEMPIO

Il 26 settembre 2018 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha assegnato in un’asta 6 miliardi di euro di BOT a sei mesi (con scadenza al 29 marzo 2019).

Il prezzo medio ponderato dei titoli assegnati è stato pari a 99,896. Questo vuol dire che su cento euro di valore nominale il prezzo pagato è stato appunto di 99,896 euro e quindi su un lotto minimo di 1000 euro sarebbe di 998,96 euro.
A scadenza, dopo 6 mesi a fine marzo 2019, l’investitore otterrà un guadagno di 1,4 euro.

Il rendimento, come noto, è su base annuale per cui per ottenerlo si dovrà moltiplicare gli 1,4 euro ottenuti in sei mesi per due, ottenendo 2,8 euro, ossia quanto l’investitore otterrebbe in un anno investendo mille euro in questo strumento. In termini percentuali significa lo 0,208% di rendimento annuale.
E’ necessario ricordare che i BOT, come gli altri titoli di Stato e le altre obbligazioni in generale, possono essere acquistati non solo all’asta, ma anche sul mercato secondario (quindi dopo la loro emissione). In tal caso il prezzo di acquisto sostituirà il prezzo di emissione indicato dai risultati dell’asta e i calcoli sul rendimento dovranno essere effettuati sulla base della vita residua a scadenza del titolo.


ASTA DEI BOT: LE COMMISSIONI

L’esempio fornito fa però riferimento a un’asta di titoli di Stato e quindi al momento in cui il Tesoro ha messo per la prima volta sul mercato quei BOT. Tutti possono partecipare alle aste di BOT, ma chi vuole acquistarli in asta deve prenotare la quantità desiderata presso un intermediario autorizzato, ossia in genere una banca, entro il giorno lavorativo precedente l'asta. Questo comporta il pagamento di commissioni.
Il "Decreto per la trasparenza nel collocamento dei Titoli di Stato" del gennaio 2015 ha determinato formalmente la struttura commissionale, stabilendo che i risultati di ogni asta, resi noti da un comunicato stampa di Banca d'Italia e pubblicati dal Ministero dell'Economia nella Gazzetta Ufficiale, indichino, il prezzo medio ponderato e il corrispondente tasso di rendimento lordo a scadenza. “Nei suddetti avvisi – aggiunge il decreto - deve essere altresì indicata la commissione da applicare sull'operazione di sottoscrizione dei buoni”.

L'importo massimo delle commissioni è stabilito nel decreto come segue (ma le singole banche possono avere condizioni più favorevoli):

Vita residua BOT

Commissione

Pari o inferiore a 80 giorni

0,03%

Compresa tra 81 e 140 giorni

0,05%

Compresa tra 140 e 270 giorni

0,10%

Pari o superiore a 271 giorni

0,15%


LE SPESE DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE
Le banche e i soggetti che gestiscono e amministrano effettivamente i BOT del risparmiatore possono applicare per questi servizi una spesa massima di 10 euro a semestre e devono indicare pubblicamente gli importi richiesti.


LE TASSE
Tutte i guadagni ottenuti dai BOT, ossia sulla differenza tra l’importo rimborsato a scadenza e il prezzo di sottoscrizione sotto la pari (100), sono soggetti a un’aliquota fiscale agevolata al 12,5 per cento.


IL CALCOLO DEL RENDIMENTO
La formula esatta del rendimento di un titolo di Stato è la seguente:

Rendimento BOT

Al risultato, come detto, vanno sottratte commissioni, spese di gestione/amministrazione e le tasse.

 

PREGI E DIFETTI DEI BOT

Pregi:

  • Buona difesa del patrimonio con tassi in calo a causa della breve durata
  • Semplicità di calcolo del rendimento
  • Liquidità

Difetti:

  • Rendimenti inferiori rispetto ai titoli di medio e lungo termine
  • Costi maggiori sul lungo periodo per via dei rinnovi a scadenza
Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.