Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sei in:  Home page  ›  Glossario  › Costo di Trasferimento - Glossario Finanziario

Glossario finanziario - Costo di Trasferimento

Definizione

Importo corrispondente alla somma dei costi, al netto dei ricavi, associati alla detenzione di un'attività sottostante un contratto derivato.

Approfondimenti

Il costo di trasferimento (o cost of carry) è la variabile che riassume la relazione esistente tra prezzo future/forward e prezzo spot di un bene o di una attività finanziaria.
Esso è dato dal costo di immagazzinamento dell'attività sottostante il contratto future/forward (underlying), più il tasso di interesse pagato per finanziare l'acquisto di tale attività, meno i redditi derivanti da tale attività.
Nel caso di titoli che non offrono redditi, ad esempio azioni che non pagano dividendi, il costo di trasferimento coincide con il tasso privo di rischio, poichè non esistono costi di immagazzinamento per i titoli.
Se il sottostante del contratto derivato è costituito da un indice, il costo di immagazzinamento sarà pari a (r - q) ossia alla differenza tra il tasso di interesse privo di rischio ed il tasso di dividendo (dividend yield) associato all'indice; quest'ultimo rappresenta, infatti, il reddito percepito.
Analogamente, per un contratto derivato scritto su una valuta, il costo di trasferimento è pari alla differenza tra il tasso di interesse privo di rischio interno ed il tasso di interesse privo di rischio estero (r - rf).
Infine, nel caso di una merce che comporti un costo di immagazzinamento percentuale pari ad u, il costo di trasferimento sarà pari alla somma del tasso di interesse privo di rischio e di tale costo: (r + u).

Esempio

Sia c il costo di trasferimento, allora la relazione tra prezzo future e prezzo spot di un bene di investimento è:



dove F(0) rappresenta il presso future, S(0) il prezzo spot e T la durata del contratto.

Al contrario, per i beni di consumo, tale relazione diventa:



dove y rappresenta il tasso di convenienza, ossia il beneficio che deriva dal possesso diretto di una determinata merce rispetto al possesso di una posizione lunga in future sulla medesima merce. Tale beneficio dipende dalla possibilità di trarre profitto da temporanee scarsità di tale merce oppure dalla possibilità di mettere in funzione un determinato processo produttivo.

Sinonimi

Argomenti correlati

Nuova Ricerca

Costo di Trasferimento

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.