Title

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Formazione Sotto la Lente

Nasdaq - Parte prima

22 Dic 2006 - 17:32

Il Nasdaq Composite



bullet (9207)Parte prima  | bullet (9207)Parte seconda

NASDAQ è l’acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation, cioè in Italiano "Quotazione automatizzata dell'Associazione nazionale degli operatori in titoli".

NasdaqQuesto mercato è stato istituito a Wall Street l’8 febbraio 1971 ed è stata la prima borsa al mondo esclusivamente elettronica. Originariamente i computer servivano solo per diffondere le informazioni dei prezzi in via continua e non a connettere gli operatori: il passaggio degli ordini, fino al 1987, avveniva infatti via telefono. La diffusione delle quotazioni per via telematica, comunque, garantiva un notevole aumento della trasparenza e dell’efficienza di mercato: il Nasdaq per lungo tempo è stata la piazza azionaria in cui gli spread[1] erano minori.

La trasmissione interamente telematica anche degli ordini venne istituita a fine 1987. Durante il crollo del mercato avvenuto nell’ottobre di quell’anno apparve evidente, infatti, l’insostenibilità della raccolta ordini per telefono: visti i numerosissimi ordini in arrivo, trader e dealer non riuscivano fisicamente a rispondere ai telefoni e le linee cadevano spesso.

Attualmente su tale mercato sono quotate circa 3200 società diverse, in alcuni casi con più classi di azioni. Il Nasdaq è quindi il listino con il maggior numero di società presenti negli Stati Uniti. Altro record numerico è quello degli scambi giornalieri: questi mediamente sono superiori a quelli di ogni altra borsa al mondo.

L’indice riassume l’andamento di questa borsa è il Nasdaq Composite. Esso è un paniere che include più di tremila titoli, la maggior parte dei titoli quotati. L’altro importante indice è il Nasdaq 100, di cui ci occuperemo nel prossimo articolo.

nasdaq scheda

La stessa società che gestisce il mercato, The Nasdaq Stock Market Inc. è quotata nel listino con il simbolo NDAQ.

Il Nasdaq Composite è un indice basato sulla capitalizzazione flottante. Per essere inclusi in questo indice le società devono essere quotate esclusivamente sul Nasdaq, a meno che non fossero presenti titoli scambiati in altro mercato americano prima del 1 gennaio 2004. In tal caso viene fatta un’eccezione ed è consentita la doppia negoziazione.

A differenza di altri panieri, in questo caso non sono ammesse in via esclusiva le azioni ordinarie. Infatti tale paniere ingloba anche certificati sostitutivi di azioni (denominati American Depositary Receipts o ADRs), interessi di minoranza, quote di Trust immobiliari (Real Estate Investment Trusts  o REITs) e titoli particolari quali Shares of Beneficial Interest e Limited Partnership Interests.

Gli unici titoli esclusi a priori dall’indice Nasdaq Composite sono quote di fondi chiusi, obbligazioni convertibili, Etf, warrant, diritti, derivati di qualunque genere ed azioni “risparmio” o con diritti di voto particolari

Fino a qualche anno fa il Nasdaq è stato caratterizzato da una forte volatilità, dovuta al boom (ed al conseguente crollo) della cosiddetta New Economy. Su tale listino, infatti, sono quotati un grandissimo numero di titoli tecnologici. L'indice ha segnato il suo massimo storico di 5132 punti il 10 marzo 2000, in piena “bolla speculativa”.


[1] “Bid-ask spread” o più semplicemente “spread” è termine inglese che significa in Italiano "scarto". Nel gergo finanziario il vocabolo indica la differenza tra la migliore proposta in acquisto e la migliore proposta in denaro relative ad uno strumento finanziario. Solitamente lo spread è tanto minore, quanto maggiore è la liquidita del titolo negoziato. Attualmente nella quasi totalità dei mercati finanziari vi sono regolamentazioni che fissano un livello massimo di spread ammissibile.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.