Lo scandalo Libor-Euribor

Il Libor costitutisce il benchmark per circa 800mila miliardi di dollari tra derivati, strutturati e prestiti a tasso variabile



FTA Online News, Milano, 21 Set 2012 - 09:50

Nel corso dell'estate 2012 un nuovo scandalo ha sconvolto il mondo della finanza, e delle banche in particolare.
Tutto è partito dalla transazione da 453 milioni di dollari tra Barclays e le autorità americane e britanniche. Il prestigioso istituto ha pagato la somma alla U.S. Commodity Futures Trading Commission, al U.S. Department of Justice e alla Financial Services Authority britannica per chiudere un procedimento su base civile basato sull'accusa di aver manipolato dal 2005 al 2009 il tasso Libor (London interbank offered rate) a suo vantaggio.

Libor

Il Libor costitutisce il benchmark per circa 800mila miliardi di dollari tra derivati, strutturati e prestiti a tasso variabile: è facile capire che essere in grado di muovere "ad hoc" anche di un solo basis point detto benchmark determina lo spostamento di ingenti capitali da una tasca all'altra.

 

Ma come è possibile manipolare il Libor?

Il meccanismo di determinazione del tasso prevede che un gruppo di banche (il numero può variare da un minimo di 6 a un massimo di 18) presenti sulla piazza di Londra comunichi entro le 11 del mattino a Thomson Reuters (che agisce in qualità di agente della British Bankers' Association) i tassi di interesse ai quali sono disposte a prendere a prestito fondi sul mercato interbancario. Il cuore del problema è che i tassi comunicati dalle banche non sono necessariamente tassi effettivi di mercato, quindi determinati dall'interazione domanda-offerta, ma possono anche essere delle stime effettuate dalle banche stesse. Difficile se non impossibile resistere alla tentazione di indicare stime "favorevoli", soprattutto alla luce del fatto che è sostanzialmente impossibile per chiunque contestare una stima su un tasso cui si è disposti a prendere a prestito denaro. Questo fino a quando non sono emerse intercettazioni di e-mail e telefonate tra manager e trader di Barclays, nelle quali gli stessi si mettevano d'accordo per manipolare il Libor a loro vantaggio.

La transazione di Barclays in sede civile non ha però fermato l'azione penale dei Department of Justice di New York e del Connecticut, i quali hanno chiamato a comparire sette colossi come Citigroup, Ubs, Royal Bank of Scotland, Deutsche Bank, Hsbc, Jp Morgan e Barclays.

Altre banche hanno inoltre confermato di aver ricevuto richieste di informazioni e documentazione dalle stesse autorità. L'inchiesta potrebbe generare richieste di risarcimenti a carico delle banche per decine di miliardi di dollari. Indagini analoghe stanno interessando anche i tassi Euribor e Tibor (Tokyo interbank offered rate): per quanto riguarda questi ultimi si parla però di violazioni più limitate. Nel caso dell'Euribor il rischio di manipolazioni è attutito dal fatto che le banche che partecipano alla determinazione del tasso sono un numero molto maggiore (attualmente 44) rispetto a quelle del Libor.

Libor

Borsa Virtuale

Scopri Borsa Virtuale, il servizio gratuito per creare il tuo portafoglio e simulare le operazioni di trading.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.