Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

L' Arbitraggio

Con il termine arbitraggio si intende indicare un'operazione che consente di ottenere un profitto certo, senza che il soggetto che la mette in essere corra alcun rischio



FTA Online News, Milano, 13 Giu 2008 - 10:43

Con il termine arbitraggio si intende indicare un'operazione che consente di ottenere un profitto certo, senza che il soggetto che la mette in essere corra alcun rischio. Solitamente l'arbitraggio consiste nell'acquisto/vendita di uno strumento finanziario (ma anche non finanziario, come una commodity) e in una contemporanea operazione di segno opposto sullo stesso strumento negoziato su un mercato diverso dal precedente, oppure su uno strumento diverso ma avente le stesse caratteristiche a livello di payout del primo. Arbitraggio

Appare evidente che una siffatta operazione puo' generare un profitto solo nel caso in cui esista un differenziale di prezzo tra due strumenti pressochè identici, differenziale determinato da una inefficienza di tipo informativo (o normativo): questo e' il presupposto fondamentale perchè si creino opportunità di questo tipo.

Un altro presupposto é rappresentato dalla esistenza di strumenti finanziari perfettamente sostituibili. Questo può avvenire nel caso in cui si prendono in considerazione strumenti identici ma scambiati su mercati diversi, oppure in quello relativo a strumenti diversi ma aventi lo stesso payout (ad es. un paniere di titoli azionari ed il future avente lo stesso paniere come sottostante), o ancora in quello di cui uno strumento puo' essere replicato sinteticamente (triangolazioni sul mercato valutario).

Il secondo esempio consente di mettere in evidenza una utile funzione degli arbitraggi, ovvero quella che consente di determinare il cosiddetto fair value (giusto valore o giusto prezzo) dei derivati, e quindi di riportare in equilibrio eventuali deviazioni del prezzo dal fair value stesso. Quanto deve valere un future su un indice di borsa ? Dato che il future è un contratto a termine che prevede l'acquisto/vendita di un paniere di titoli azionari, il suo fair value deve essere quello che permette di avere lo stesso payout a scadenza rispetto all'acquisto sul mercato a pronti dello stesso paniere.

Arbitraggio

Se così non fosse si creerebbe la chance per un operatore di effettuare un arbitraggio tra future e sottostante. Ad es. se il prezzo del future fosse superiore al fair value l'investitore potrebbe vendere il future e acquistare (ricorrendo all’indebitamento) il paniere, facendo scendere il prezzo del derivato e salire quello del sottostante fino a ricreare una situazione di equilibrio.

Borsa Virtuale

Scopri Borsa Virtuale, il servizio gratuito per creare il tuo portafoglio e simulare le operazioni di trading.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.