Mutui: aumentano le richieste di surroghe

Crescono le domande della surroga. La forza trainante è il fattore risparmio.



FTAOnline News, Milano, 15 Ott 2010 - 10:28

Crescono le richieste di surroga dei mutui, ovvero la possibilità di trasferire il proprio mutuo a una nuova banca a condizioni migliori senza spese notarili né costi aggiuntivi.

Secondo Mutui.it, il comparatore online che ha analizzato oltre 18.000 richieste di mutuo nei mesi scorsi, il numero di italiani che hanno deciso di ricorrere alla surroga sono aumentati dall’11 al 18% in poco più di un anno.

La surroga è stata introdotta tre anni fa con il decreto Bersani al fine di favorire la concorrenza tra le banche e agevolare chi sottoscrive un mutuo per comprare casa. Secondo Alberto Genovese, di Mutui.it “Confrontare le offerte di diverse banche permette di trovare le migliori condizioni per ciascuno e ormai, grazie all'avvento dei comparatori online, questo è facile e alla portata di tutti. La surroga è un’opportunità importante, sia per gli Istituti di Credito sia per i sottoscrittori e la crescita che vive questo tipo di prodotto lo dimostra”.

La surroga va richiesta per iscritto da parte del cliente alla nuova banca (subentrante) scelta dal consumatore, con la quale occorre mettersi d’accordo per la data del trasferimento; entro 10 giorni lavorativi dalla ricezione della lettera, l’istituto subentrante confermerà una data formale per l’operazione. Così facendo si formalizza il contatto di mutuo tra la nuova banca e il cliente.
Con la surroga si possono anche modificare i parametri del mutuo: il tipo di tasso (ad esempio un mutuo di surroga a tasso fisso che sostituisce il vecchio mutuo a tasso variabile), la misura del tasso e lo spread della banca e la durata.

Il profilo di chi ha fatto domanda

Il maggior numero di richieste di surroga del mutuo giunto a Mutui.it è da parte degli  appartenenti ai corpi delle Forze Armate (27,09%), poi seguono gli imprenditori (20,49%) e gli operai (20,13%).

Per quanto riguarda le zone d’Italia, il Trentino Alto Adige, il Friuli Venezia Giulia e le Marche, sono le Regioni dove si è registrato il maggior numero di richiesta di surroga. Seguono la Sardegna, l’Emilia Romagna e il Veneto. In fondo alla classifica troviamo la Basilicata e la Calabria.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.