Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Mutui più bassi rispetto a un anno fa

Finanziamenti: gli italiani li chiedono più tardi e più contenuti



FTAOnline, Milano, 04 Apr 2012 - 11:42

La crisi si fa sentire in tutti i settori, anche nel mercato dei mutui e del credito. Secondo una ricerca condotta da Mutui.it – comparatore online dei mutui – gli italiani chiedono finanziamenti per importi inferiori a quelli che richiedevano un anno fa, anche quando l'obiettivo è l'acquisto della prima casa.

L'indagine

Mutui.it ha passato al setaccio e analizzato oltre 400mila richieste di mutuo presentate negli ultimi 9 mesi, registrando una riduzione del 9% per quel che riguarda le somme medie richieste.

Se a novembre 2010, infatti, l'importo medio richiesto per i finanziamenti ammontava a 160mila euro, oggi non supera i 146mila euro. Interessante notare come, a fronte di una contrazione dell'importo richiesto, si alzi invece l'età media di chi avanza agli istituti di credito la propria domanda di finanziamento. Un anno fa, l'età media di chi chiedeva un mutuo era di 36 anni, oggi tocca i 37, dinamica che rende evidente evidente il disagio di un ampio segmento della popolazione che fa sempre più fatica a entrare nell'età adulta.

Il commento

Lucida l'analisi del momento fatta da Lorenzo Bacca, responsabile Business Unit di Mutui.it, a margine dell'indagine: "I dati emersi dalla nostra indagine provano, ancora una volta, che in tempi di crisi l’accesso al mutuo è materia per chi già dispone di risparmi. Anche chi vuole dedicarsi al primo progetto “da adulti” ha bisogno di costruirsi una solidità economica per ottenere la concessione del finanziamento; chiedere mutui per pagare il 100% del valore dell’immobile vuol dire esser certi di ottenere un rifiuto da parte delle banche. Naturale, quindi, che anche l’età media salga e che il sogno dell’indipendenza si faccia più lontano per i giovani».


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.