L’Italia a rate dell'Eurispes

Il 66,1% non arriva a fine mese e il 2,2% chiede prestiti per pagare i debiti.



FTAOnline, Milano, 04 Feb 2009 - 12:33

Il Rapporto Italia 2009 dell’Eurispes parla chiaro: due cittadini su tre non riescono a fronteggiare tutte le spese e si indebitano per pagare i debiti. E’ la preoccupante realtà della situazione economica che imperversa l’Italia e che mette in ginocchio numerose famiglie.

Scenario e disuguaglianze

Da un lato ci sono due italiani su tre che faticano ad arrivare a fine mese e dall’altra parte aumentano le famiglie che contano su un capitale superiore al milione di euro.

Rimane quindi costante la situazione percepita dalla maggior parte degli italiani che si lamentano della crisi economica che non permette loro di arrivare alla quarta settimana ( 66,1% degli italiani.).

Se da una parte c’è chi vive con il problema far quadrare i conti a fine mese, solo una famiglia su tre riuscirebbe a risparmiare qualcosa (33,4%) e le disuguaglianze all’interno del Paese si fanno più forti: nel 2006 le famigli italiane che potevano contare su un capitale superiore ad un milione di euro erano 359mila, ma nel giro di pochi anni, addirittura l’anno prossimo, potrebbero arrivare a 712mila.

I prestiti

Sempre il rapporto Eurispes dichiara che solo una famigli su tre riesce a risparmiare qualcosa e il credito al consumo diventa l’unica soluzione possibile. Sono infatti aumentati gli italiani che per acquistare beni e servizi hanno optato per un finanziamento: lo scorso anno dichiarava di aver usufruito del credito al consumo il 25,7%. Una percentuale in aumento di 11 punti raggiungendo quota 36,9%.

Accendere un finanziamento diventa l’unica soluzione per superare la crisi della quarta settimana e poter affrontare le spese necessarie per sopravvivere.

Il 19,4% dei cittadini dilazione le spese per le cure mediche come le visite specialistiche, gli interventi o le protesi dentarie, una percentuale in aumento di 14 punti rispetto al sondaggio dell'anno precedente e il 5,6% ha fatto ricorso ai finanziamenti per acquistare beni alimentari. Ma sono le vetture i beni più acquistati a rate dagli italiani (58,7%) seguite dagli elettrodomestici (40,3%), dai computer o cellulari (28,9%) ed infine dagli arredamenti e servizi per la casa (22,1%).

Tra i desideri più voluttuari, il 4,9% degli italiani dichiara di utilizzare i pagamenti dilazionati per l’acquisto di vestiario e di calzature e il 6,1% per i viaggi o vacanze.

I debiti

Purtroppo un dato raccapricciante che emerge dal Rapporto è che molti italiani non riescono ad estinguere i debiti pregressi e il 2,2%, per poter fa fronte a questo disagio, ha dovuto chiedere ulteriori prestiti.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.