Giovani e prestiti: crescono le richieste

Gli under 30 prediligono finanziamenti di lunga durata



FTAOnline, Milano, 06 Lug 2012 - 17:03

SuperMoney, portale dedicato al confronto e all'erogazione di prestiti online, ha posto sotto la sua lente il mercato del credito e ha osservato che – proprio mentre la disoccupazione giovanile raggiunte tassi record – aumentano le richieste di prestito che arrivano da persone comprese nella fascia d'età che va dai 18 ai 30 anni.

I numeri

Nel dettaglio, secondo i numeri raccolti dal portale online, le domande di prestito avanzate dai giovani sono raddoppiate, passando dal 9 al 18%. A spingere i ventenni a chiedere soldi in presto sono soprattutto la necessità di liquidità e la ricerca di un modo per finanziare le spese legate alla casa e alle ristrutturazioni.

Perché i giovani chiedono un prestito?

Analizzando le motivazioni per cui i giovani chiedono un prestito, si rileva come nel 53,3% dei casi si tratti di finanziamenti richiesti senza una specifica finalità e, dunque, presumibilmente mirati ad ottenere disponibilità economiche per far fronte a svariate esigenze, dallo studio, ai viaggi, fino all'acquisto di computer e supporti tecnologici.

Il prestito richiesto per comprare casa non rientra nell'orizzonte dei giovani d'oggi (le garanzie per ottenere un mutuo sono spesso uno scoglio insuperabile), che – invece – s'indebitano per spese legate alle ristrutturazioni o all'arredamento. Il 17,2% delle richieste di prestito (in aumento rispetto al 14,5% del 2011) ha come finalità la ristrutturazione della casa e l'acquisto di mobili e arredamento.

In crescita anche le richieste di prestito per l'acquisto dell'auto, che sono passate dal 6,5% al 12,2%.  Una tendenza che desta qualche preoccupazione, invece, è la crescita delle richieste di prestito finalizzate al consolidamento debiti (ossia i finanziamenti che servono per far fronte a debiti pregresse), che nel primo semestre del 2012 sono risultate pari al 10,3% contro il 4% dello stesso periodo del 2011.

Come sono i prestiti richiesti?

In evoluzione anche la tipologia dei prestiti richiesti. Dai dati raccolti attraverso la ricerca emerge la preferenza dei giovani per finanziamenti di lunga durata: il 23% delle richieste ha una durata di 120 mesi, il 60% si concentra tra i 36 e i 72 mesi (era il 49% nel 2011), mentre solo l'8% ha una durata inferiore ai 3 anni.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.