Risparmio: parafarmacie contro farmacie

I farmaci da banco nelle parafarmacie costano meno. Nella G.D.O. il risparmio maggiore.



FTAOnline, Milano, 23 Set 2009 - 14:17

Con la liberalizzazione della vendita dei farmaci da banco si è verificato che nelle parafarmacie si spende l'8,3% in meno per i farmaci da banco rispetto alle farmacie “tradizionali”. Stando infatti ad una recente indagine presentata da  Federconsumatori  e condotta nel mese di dicembre 2008 dal suo Osservatorio Nazionale prezzi e tariffe del C.R.E.E.F. (Centro Ricerche Economiche, Educazione e Formazione), a beneficiare degli sconti “in pillole” in parafarmacie e corner dei supermercati sarebbero soprattutto le classi più deboli come i pensionati, con un risparmio medio di 20 euro.

L’indagine

L’indagine condotta a livello nazionale sui farmaci da banco è stata svolta su un paniere di 24 prodotti di largo consumo, in 130 punti vendita, dalle farmacie comunali, a quelle private, alle parafarmacie, ai corner di iper e supermercati, sparsi qua e là in 11 Regioni italiane.
Dalla Tachipirina allo Zerinol, dall’Aspirina al Lasonil, sono stati presi in considerazione i farmaci che, dai dati del Ministero della Salute, risultano essere più venduti, con un maggior volume di spesa da parte dei cittadini. Per questi medicinali la spesa media che si registra nelle farmacie è di 164,8 euro, mentre nelle parafarmacie si spendono mediamente 152,06 euro con un risparmio di 12 euro. A costare di più sono le farmacie comunali, dove la spesa tocca i 166,96 euro. Il risparmio maggiore, invece, si ha nei corner della G.D.O. dove si registra una spesa media di 146,18 euro, il 14,2% più bassa di quella delle farmacie comunali.

Anche sul singolo prodotto, la spesa è più conveniente di circa 70 centesimi, rispetto ai prezzi praticati nelle tradizionali farmacie. Un circolo “virtuoso” che, in 3 anni, ha fatto salire i risparmi che si possono ottenere acquistando farmaci fuori dai classici canali di distribuzione di più di un punto percentuale, passati dal 7,2%, registrato all’entrata in vigore della legge Bersani, all’attuale 8,3 per cento.

Più posti di lavoro

Fanno bene e non solo al portafogli le liberalizzazioni dei farmaci da banco che stanno dando lavoro a oltre 6.500 giovani farmacisti e, nel 2008/2009, hanno registrato una quota di mercato a “valore” del 7,6%, pari a 140 milioni di euro, contro i 1.872 milioni incassati dalle tradizionali farmacie con i prodotti da banco.

Per il futuro

Intanto si ipotizza la liberalizzazione anche dei farmaci di fascia C con obbligo di prescrizione, ma non rimborsati dal Ssn. Una manovra che, si stima, porterebbe un risparmio nelle tasche degli italiani di circa 1,2 miliardi di euro.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.