Gli italiani si rivolgono al credito per ridurre i debiti

Aumentano le richieste di prestiti per il consolidamento dei debiti e per la liquidità



FTAOnline, Milano, 01 Giu 2012 - 16:43

La via scelta dagli italiani per ridurre il debito sarebbe quella del credito. Lo rivela un'indagine di SuperMoney che evidenzia anche come nello Stivale si faccia sempre più spesso ricorso al credito per affrontare le spese di tutti i giorni. In deciso calo, secondo la rilevazione, le richieste di credito per l'acquisto di beni durevoli come auto, moto e ristrutturazioni.

Ridurre i debiti e far fronte alle spese: ecco le priorità degli italiani

Al giorno d'oggi, si accede al credito per tamponare gli effetti della crisi mentre i consumi vengono messi da parte. I risultati di un'indagine realizzata da SuperMoney riguardo alle finalità del credito richiesto dagli italiani fotografano un Paese in cui nel primo trimestre del 2012 le richieste di prestito per consolidamento e per liquidità hanno avuto un’impennata formidabile.
Nel dettaglio, le richieste di liquidità per diminuire i debiti aumentano del 242%, mentre quelle per aumento di liquidità salgono del 197%.
Niente più prestiti quindi per l’acquisto dell’auto o per la realizzazione di progetti: le priorità attuali degli italiani sono la riduzione dei debiti e affrontare le spese di tutti i giorni.
I dati parlano chiaro: il calo delle domande di credito per beni durevoli come auto, moto e ristrutturazioni è stato del 40% mentre quelle per beni non indispensabili (cerimonie e regali, viaggi, prestiti salute e bellezza) la flessione è stata del 42,1%.

Il prestito cambia forma

Se cambiano le finalità dei prestiti, cambia anche il loro aspetto. Oggi, rispetto a un anno fa, si richiedono prestiti più consistenti, ma anche per durate più lunghe: nel primo trimestre 2012 la cifra media richiesta è pari a 16.315 euro (+6,44% rispetto agli ultimi tre mesi 2011), mentre ad aprile si attesta a 17.383 euro, segnando un ulteriore +6,55%. I prestiti per consolidamento hanno invece raggiunto ad aprile una media di 27.112 euro. Riguardo alla durata dei finanziamenti; Supermoney ha rilevato un aumento del 5,02% tra l’ultimo trimestre del 2011 (durata media 67 mesi) e il primo trimestre del 2012 (durata media 70 mesi), cui si somma un’ulteriore crescita del +17,22% registrata ad aprile, mese in cui la durata media dei presiti ha raggiunto gli 82 mesi.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.