Dieci anni costati dieci mila euro

Italia, l’ultimo decennio sarebbe costato alle famiglie più di 10mila euro di spese ingiustificate



FTAOnline, 22 Set 2011 - 12:41
Dieci anni – anche se trascorrono in silenzio – fanno molto rumore. L’ultimo decennio, almeno, ha lasciato più di qualche segno sulle finanze degli italiani, erodendo in maniera sensibile il potere d’acquisto delle famiglie. Questo è quanto sostiene il Casper – Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (formato da Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione Nazionale Consumatori) – concludendo un studio sui consumi degli italiani negli anni che vanno da fine 2001 a settembre 2011.
 
Dieci anni in picchiata
Secondo la ricerca realizzata dal Casper, nell’ultimo decennio ciascuna famiglia italiana avrebbe subito una perdita economica pari a 10.850 euro per effetto dei rincari dei prezzi al dettaglio e delle tariffe, nonché per il portato della crisi economica, delle tensioni nel settore dei carburanti e anche delle manovre economiche varate negli ultimi anni, che hanno portato la pressione fiscale a livelli record.
 
Se guardando indietro si ha di che crucciarsi, le previsioni per il prossimo futuro non sono rincuoranti: bisogna attendersi – spiegano le associazioni dei consumatori – che il 2011 si concluda con un ulteriore schiaffo agli italiani, che dovranno subire un’ulteriore stangata economica stimabile in circa 1500 euro.
 
La lettura dei consumatori
In conclusione alla ricerca, il Casper tenta una lettura della storia recente della vita dei consumatori del Belpaese: il nuovo millennio si è aperto con l’introduzione dell’euro, occasione sfruttata da molti per imporre aumenti ingiustificati ai prezzi dei prodotti. Dunque, ricostruiscono le associazioni dei consumatori, il decennio è proseguito accumulando sulle spalle delle famiglie il peso di numerose altre variabili negative: i rincari di affitti e mutui, i prezzi alle stelle dei carburanti (con ricadute in tutti i settori), nonché la crisi economica che dal 2009 attanaglia l'Italia determinando il varo di manovre e manovrine che hanno ingigantito l’ombra del Fisco sui redditi.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.