Più facile aprire un'impresa, ma ancora troppe tasse

In Italia migliora la competitività ma per pagare le tasse servono 269 ore all’anno



FTAOnline, Milano, 05 Nov 2014 - 10:54

Per chi decide di aprire un’impresa in Italia si restringono i tempi burocratici necessari per arrivare sul mercato, ma la mano del Fisco si fa sentire in maniera ancora troppo pesante soprattutto sotto il profilo dei costi rispetto agli utili.

A rivelarlo è l’analisi Doing Business della Banca Mondiale.

Per aprire un impresa tempi più stretti ma si pagano ancora troppe tasse

Quanto tempo ci vuole per aprire un’impresa e per adempiere agli obblighi fiscali in Italia? L’ultima analisi “Doing Business” fornisce interessanti spunti di riflessione. Da un lato, infatti, l’Italia ha recuperato competitività diminuendo i tempi burocratici necessari ad aprire un’impresa, recuperando 44 posizioni e classificandosi 46esima su 189 paesi; dall’altro lato, il Fisco risulta ancora troppo pesante e costa alle imprese 269 ore all’anno solo per adempiere agli obblighi fiscali ( in Germania ce ne vogliono 218, in Spagna 167, in Francia 137 e in Gran Bretagna 110). Tempi che, ovviamente, hanno anche ricadute economiche e finiscono per invogliare le imprese a stabilirsi in altri paesi dove il fisco chiede di meno e in cui la burocrazia fiscale è più celere.

Il rapporto contiene altri dati eloquenti: la pressione fiscale che le imprese italiane subiscono è del 65,4% diciassette punti più elevata di quella cui sottostanno le imprese tedesche e il doppio di quella cui fanno fronte le aziende del Regno Unito (33%).

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.