Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Istat: migliora il potere d’acquisto e calano le tasse

Migliora anche la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici



FTA Online News, Milano, 05 Gen 2017 - 15:08

Diminuisce la pressione fiscale, aumenta il potere d’acquisto e la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici ma peggiora l’indebitamento delle pubbliche amministrazioni.

I conti pubblici sono in lieve peggioramento

La pressione fiscale è pari al 40,8% e pertanto in discesa secondo quanto rilevato dall’Istat nel terzo trimestre 2016 con una riduzione dello 0,2% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

Sempre nello stesso periodo, è aumentato il reddito disponibile delle famiglie consumatrici (+0,2%) così come i consumi (+0,3%) mentre la propensione al risparmio è stata pari al 9,3% (-0,1%).

Per quanto riguarda i conti pubblici l’Istat registra un indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche rispetto al Pil in aumento dello 0,1% sempre rispetto al terzo trimestre 2015.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.