Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Un italiano su tre dichiara appena 10 mila euro

I commercianti risultano essere la categoria più “povera”



FTAOnline, Milano, 12 Giu 2015 - 18:09

La crisi non riguarda solo i lavoratori precari o chi guadagna mille euro al mese.

Un italiano su tre dichiara meno di 10.000 euro di reddito annui e la categoria più in "difficoltà" sembra essere quella dei commercianti.

Gli italiani dichiarano sempre di meno

Un terzo degli italiani dichiara meno di 10mila euro al mese con i commercianti che risultano essere la categoria più "povera" anche se, è bene dirlo, ricevere uno scontrino fiscale non è così scontato nel nostro Paese.

Il dato, relativo al 2013, arriva dal ministero dell’Economia che si è basato sui documenti ricevuti dal fisco nel 2014 non considerando quindi, elusione, evasione, e rapporti di lavoro non regolari.

Nel dettaglio, nelle dichiarazioni Irpef, relative al 2013, emerge come il 32,9% dei contribuenti italiani ha un reddito in media inferiore ai mille euro al mese.

Il reddito medio più elevato è nel settore delle attività professionali (42.100 euro annui), seguito dalle attività manifatturiere (29 mila euro) e dai servizi (23.500 euro) mentre è nel settore del commercio che troviamo il reddito più basso (17.500).

Per quanto riguarda il reddito totale dichiarato è pari a 98 miliardi di euro con una variazione negativa dell’1,8% rispetto al 2012 in linea con l’andamento generale dell’economia con un PIl in negativo, nel 2013, dell’1,7%.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.