Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Troppe tasse su case e imprese

Nell’ultimo trimestre la pressione fiscale ha raggiunto il 50,3%



FTAOnline, Milano, 08 Apr 2015 - 18:29

I profitti delle imprese ai minimi dal 1995

La pressione fiscale, secondo le stime dell’Istat, è salita al 50,3% (rispetto al 50,2% del 2012) con i redditi delle famiglie che sono rimasti sostanzialmente al palo.

Nel dettaglio, è il mattone il bene più tassato con un gettito, nel 2014, pari a 25,2 miliardi di euro in crescita di 1,6 miliardi di euro rispetto a due anni prima secondo i dati forniti, questa volta, dal Ministero dell’Economia.

Desta preoccupazione anche il crollo dei profitti delle imprese che diminuiscono dello 0,8% rispetto all’anno precedente, il dato più basso dall’inizio delle rilevazioni nel 1995.

Buone notizie arrivano invece dalla spesa delle famiglie che è salita dello 0,5% in un anno nonostante il loro potere d’acquisto sia rimasto invariato.

Un’altra buona notizia è la minor spesa dello Stato per gli interessi passivi che, grazie alla diminuzione dei tassi di interesse, è risultata in calo del 4,6% passando da circa 20,7 miliardi di euro a circa 19,7 miliardi di euro nel quarto trimestre del 2014.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.