Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Fisco: italiani sotto torchio

La Cgia prevede nuovi livello record per la pressione fiscale



FTAOnline, Milano, 17 Set 2014 - 17:38

Impietosi per il nostro Paese i risultati di una rilevazione svolta dalla Cgia di Mestre sul livello della pressione fiscale in Italia: il carico fiscale – anche nel 2014 – è destinato ad aumentare rispetto l’anno precedente e il livello dei servizi pubblici offerti risulta non all’altezza delle aspettative.

Le tasse mandano in rosso le famiglie italiane
Per il 2014, la ricerca dell’associazione mestrina ha stimato un carico fiscale medio annuo di 15.330 euro, lo 0,2% in più rispetto all’anno precedente.

Sommando i vari balzelli, ogni nucleo familiare versa all’Erario, alle Regioni e agli Enti locali mediamente 1.277 euro al mese.

Difficile, con un carico fiscale simile, pensare a un rilancio dei consumi. Gli 80 euro restituiti ai redditi più bassi, in questo contesto, finiscono – secondo la Cgia – nei pagamenti delle varie addizionali locali, delle ritenute e delle accise.

Per il Fisco, si lavora 11 giorni in più rispetto al 1995

Nel complesso, le previsioni della Cgia segnalano il rischio che il 2014 si chiuda con l’ennesimo record del livello di pressione fiscale, arrivando intorno al 44%.

Sarebbe una soglia importante, che – tradotta in giorni di lavoro – significherebbe uno slittamento all’11 giugno della data di “liberazione dalle tasse” (ben 11 giorni in più rispetto al 1995, quando la pressione fiscale era inferiore di tre punti percentuali rispetto a oggi).

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.