Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Riforma fiscale: circa 500 euro di risparmio


Meno Irpef e più Iva, in quanti se avvantaggiano?


FTAOnline 07 Lug 2011 - 18:09

Quali ricadute avrà la riforma fiscale in discussione sulle tasche degli italiani? A questa domanda ha cercato di rispondere la CGIA di Mestre con una ricerca volta a indagare, tenendo conto dei dati sui consumi targati Istat, gli effetti che i ritocchi all'Iva e all'Irpef – secondo quanto filtrato riguardo le ipotesi di riforma – potranno avere sulle famiglie italiane.

Giù l'Irpef, su l'Iva... e qualcuno risparmia

La CGIA di Mestre ha stimato che della riforma fiscale, qualora questa ristrutturasse definitivamente il sistema fiscale nella direzione di tre aliquote Irpef al 20, 30 e 40% e dell’aumento di un punto dell’Iva per le aliquote più alte (10 e 20%), dovrebbero beneficiare le due tipologie di nuclei familiari più diffuse in Italia.

Secondo la stima, i risparmi oscillerebbero tra i 473 e i 573 euro. Lo studio svolto dalla CGIA ha preso in considerazione due famiglie con caratteristiche diverse (una monoreddito di un lavoratore dipendente, costituita da due coniugi e un figlio a carico con un reddito pari 34.477 €; una famiglia bireddito di due lavoratori dipendenti, composta dai due coniugi e da un solo figlio a carico e reddito pari a 34.774 € suddiviso in parti uguali tra i 2 coniugi).

Stando ai calcoli svolti dalla Cgia, la famiglia monoreddito, in ragione di una diminuzione del carico fiscale dovuto all'Irpef pari a 600,92 euro e di un aggravio delle uscite dovute all'Iva di 166,37 euro, risparmierà in tasse 435,55 euro annuali.

Per quanto riguarda la famiglia bireddito, il taglio Irpef sarà pari a 756,78 euro, mentre l’aumento dell’Iva arriverà a 182,95 euro, garantendo un risparmio complessivo di 573,83 euro annui.

Quanto costerà allo Stato, nel caso venisse così applicata, questa riforma? La Cgia stima necessari circa 13 miliardi di euro, coperti per 6 miliardi dall'aumento di un punto percentuale dell'Iva e per la restante parte (7 miliardi di euro) dalla lotta all’evasione fiscale e dal possibile aumento della tassazione sulle rendite finanziarie.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.