Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Le scadenze fiscali del “Milleproroghe”


Tutti gli appuntamenti col fisco del nuovo anno.


FTAOnline, Milano 27 Feb 2009 - 10:04

Dopo il via libera della Camera il decreto “milleproroghe” sta per approdare in Gazzetta Ufficiale. Tra le principali novità fiscali, lo slittamento dei termini dal 31 luglio al 30 settembre per l’invito telematico di Unico e della dichiarazione Iva.

Gli appuntamenti di Unico

Cambiano gli adempimenti per le dichiarazioni Irap e Iva. Il decreto appena approvato fa infatti slittare dal 31 luglio al 30 settembre il termine ultimo per l’invio telematico delle dichiarazioni delle persone fisiche, delle società di persone e dei soggetti a essi assimilati, e dei dati Irap.

I contribuenti Ires, inoltre, possono presentare per via telematica la dichiarazione entro l’ultimo giorno del nono mese successivo (e non più entro il settimo mese) a quello di chiusura del periodo d’imposta.

Novità per l’Irap

Slitta dal 31 marzo al 31 luglio il termine ultimo per la trasmissione telematica all’agenzia delle Entrate da parte dei sostituti d’imposta dei dati fiscali e contributivi. Per la dichiarazione annuale Iva, i contribuenti avranno tempo fino al 30 settembre e non più fino al 31 luglio.

Tra le novità anche l’eliminazione dell’obbligo di presentazione nella dichiarazione Unico dei dati relativi all’imposta regionale sulle attività produttive per i soggetti con periodo d’imposta che coincide con l’anno solare. La dichiarazione Irap, dal periodo d’imposta 2008, va, quindi, presentata autonomamente, tramite specifico modello.

Cambia anche la scadenza per la trasmissione telematica delle dichiarazioni da parte di Caf, professionisti abilitati e sostituti di imposta: il termine ultimo passa dal 25 giugno al 15 luglio.

Differito, infine, dal settimo al nono mese successivo alla chiusura del periodo d’imposta, l’obbligo di presentare la dichiarazione in caso di liquidazione di società, di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa, di trasformazione e fusione.

Acconti Ires e Irap

Prorogata al prossimo 31 marzo la data entro cui deve essere emanato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri sulle modalità e i termini del versamento dell’importo degli acconti Ires e Irap non corrisposto per effetto della riduzione di 3 punti percentuali per l’anno 2008, stabilita dal decreto “anticrisi”.

Agevolazioni per lo sport dilettantistico

Viene esteso anche alla formazione, alla didattica, alla preparazione e all’assistenza all’attività sportiva dilettantistica il regime fiscale agevolato previsto per i redditi diversi. Altre agevolazioni sono state introdotte per le federazioni sportive nazionali, le discipline associate e gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni.

Trasmissione unificata retribuzioni e ritenute

Scatterà da gennaio 2010 l’obbligo per i sostituti d’imposta di comunicare telematicamente ogni mese i dati di carattere fiscale, contributivo e previdenziale. L’entrata in vigore dell’adempimento, introdotto dalla Finanziaria 2008, era inizialmente prevista per gennaio 2009.

Preu e imposta sugli intrattenimenti 2006

Rinvio anche per l’attività di riscossione, relativa all’anno 2006, del prelievo erariale unico e dell’imposta sugli intrattenimenti relativa agli apparecchi da divertimento e intrattenimento.

Per quanto concerne il Preu, la liquidazione va effettuata entro il 30 giugno 2009 (e non più entro il 31 dicembre 2008) e l’iscrizione a ruolo entro il 30 giugno 2010 (prima fissata al 31 dicembre 2009).

Per quanto riguarda l’imposta sugli intrattenimenti, la liquidazione slitta dal 31 dicembre 2008 al 30 giugno 2009, l’iscrizione a ruolo dal 31 dicembre 2009 al 30 giugno 2010 e la notifica delle cartelle dal 31 dicembre 2010 al 30 giugno 2011.

Esenzione Ici

Esclusi dall’Ici i fabbricati rurali anche se accatastati e senza attribuzione di rendita.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.