Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Manovra: manca la patrimoniale?


Tassa sul lusso e Imu, la patrimoniale è nascosta


Ftaonline News, Milano 05 Dic 2011 - 17:34

Guardando al dettaglio delle misure disposte dalla manovra Monti per garantire all’Italia un futuro prossimo meno traballante agli occhi dell’Europa e dei mercati finanziari, commentatori, addetti ai lavori e cittadini hanno ricavato impressioni differenti. Nell’ultimo periodo, l’opinione pubblica ha molto dibattuto circa la necessità dell’adozione di una patrimoniale: segno di equità, sostenevano alcuni; un modo per tassare beni già tassati, secondo altri. Letto il testo della manovra, ora, entrambi gli schieramenti si interrogano: la patrimoniale c’è o non c’è?

 

Il dilemma

Rimarrà ovviamente deluso chi si augurava l’adozione di una patrimoniale in stile francese, ossia l’applicazione di una tassazione aggiuntiva per i possessori di patrimoni oltre un certo valore.

 

Nella manovra del governo Monti non è presente una misura assimilabile a questa, ma un’impronta patrimoniale è ravvisabile in più provvedimenti. Profumo di patrimoniale si avverte sicuramente nell’Imu (la nuova Ici), che graverà sulla prima casa (per il 4 per mille del valore catastale) e su tutte le altre proprietà immobiliari (7,6 per mille del valore catastale). A margine della rinascita dall’Ici è da notare come sia stata decisa la rivalutazione delle rendite catastali fino al 60%.

 

Riconducibili a una logica patrimoniale sono anche le supertasse su beni di lusso, come aerei, elicotteri, imbarcazioni da diporto e automobili di potenza superiore alla media.

 

Una mediazione

Quella trovata dall’esecutivo sembra essere dunque una strada di compromesso, dettata anche dagli instabili equilibri politici da mantenere con grande cautela in parlamento. Quando si guarda alle misure adottate, non bisogna dimenticare le richieste avanzate dalle parti un gioco: una tassazione sui grandi patrimoni, da una parte; nessun ritocco all’Irpef, né patrimoniali di ogni sorta, dall’altra. Date le condizioni di partenza, forse, fare di più di non era possibile.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.