Rc Auto: l’attacco dei consumatori

Si riduce la frequenza degli incidenti, ma il prezzo delle polizze cresce



FTAOnline, Milano, 18 Mag 2012 - 18:15

Nel corso degli ultimi dodici mesi, si è ridotta la frequenza degli incidenti stradali – a dirlo sono i dati Ania (Associazione nazionale tra le imprese assicuratrici) – ma i prezzi delle assicurazioni non hanno smesso di crescere, mettendo in difficoltà più di qualche automobilista. Secondo le rilevazioni, infatti, sarebbero sempre di più gli automobilisti che – non potendo osservare l'obbligo di rinnovare l'assicurazione – finiscono per rinunciare a utilizzare l'automobile.

Cresce il numero di chi non rinnova la Rc Auto

Unidici anni folli e irragionevoli, questa è l'opinione delle associazioni dei consumatori, pronte a denunciare come – dal 2011 – il costo delle polizze auto abbia registrato un'impennata del 104% nonostante gli incidenti siano diminuiti di 34 punti percentuali.

Specificano i consumatori: se tra il 2011 e il 2011 i consumatori hanno dovuto fare fronte a rincari del 98% nel campo della Rc Auto, durante l'anno in corso le statistiche non sembrano promettere nulla di incoraggiante. Stando ai dati, infatti, la prima metà del 2012 permette di stimare che – entro fine anno – le polizze auto metteranno in mostra una crescita media del 6% rispetto all'anno passato, per un valore medio, in termini assoluti, di circa 78 euro.

I consumatori chiedono dunque che vengano adottati provvedimenti in grado di aumentare la concorrenza e la trasparenze del mercato assicurativo e anche l'Ania registra alcune difficoltà tra gli automobilisti. In base ai dati in possesso dell'associazione delle imprese assicuratrici, infatti, sarebbero sempre di più le persone che – non potendo sopportarne i costi – finiscono per non rinnovare l'assicurazione sull'autovettura.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.