Notizie Radiocor

UBS WM: Il caleidoscopio del mercato cinese - PAROLA AL MERCATO -2-

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 25 mag - I buoni dati economici sono stati accompagnati da una ventata di notizie positive: le autorita' hanno mandato messaggi costruttivi riguardo gli investimenti dall'estero (per esempio, lo scorso marzo il presidente Xi Jinping ha incontrato oltre una dozzina di multinazionali) e il Politburo ha segnalato l'intenzione di risolvere il problema degli immobili invenduti.

Infatti, dopo diversi anni di difficolta', questa primavera il mercato azionario cinese ha finalmente vissuto una fase positiva con un rimbalzo di oltre il 10% (espresso in dollari). Dai minimi dello scorso gennaio, l'indice MSCI China ha recuperato il 27%. Almeno in parte questo recupero e' stato favorito dall'intervento di alcune societa' legate allo Stato, il cosiddetto National Team, che avrebbero acquistato ETF e azioni delle principali imprese.

Il posizionamento degli investitori internazionali e' quindi aumentato, ma resta sottile in un contesto storico: secondo dati EPFR, alla fine del 2023 i fondi globali erano esposti al 5,5% sulla Cina, il livello piu' basso del decennio.

Il mercato finanziario cinese presenta valutazioni molto basse: l'indice MSCI China tratta a un multiplo sugli utili inferiore a 10x, che si confronta con circa 12x per gli altri mercati emergenti, piu' di 20x per gli Stati Uniti e 13,1x per la zona euro. Un simile livello rappresenta un forte sconto anche rispetto alla storia del mercato cinese, che ha visto un massimo superiore a 30x.

Queste considerazioni sono rafforzate dalla composizione degli indici azionari cinesi; per esempio l'MSCI China e' fortemente esposto a Internet (39% del totale) e ai titoli di consumo (16%), mentre gli altri settori hanno pesi relativamente contenuti. Il forte peso della tecnologia dovrebbe spingere le valutazioni che invece restano a forte sconto rispetto ai mercati avanzati e anche rispetto a quelli emergenti, che pure non possono vantare lo stesso livello tecnologico. Da queste valutazioni, modesti miglioramenti della situazione geopolitica potrebbero portare a un recupero consistente a medio-lungo termine. Ma la performance di qualsiasi asset finanziario non e' legata solo ai suoi fondamentali, ma soprattutto alla domanda e all'offerta da parte degli investitori e non si puo' escludere un'ulteriore sottoperformance nel caso in cui si materializzassero ulteriori tensioni geopolitiche.

* Chief Investment Officer di UBS GWM in Italia "Il contenuto delle notizie e delle informazioni trasmesse con il titolo "Parola al mercato" non puo' in alcun caso essere considerato una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento ne' raccomandazioni personalizzate a qualsiasi forma di finanziamento. Le analisi contenute nelle notizie trasmesse nella specifica rubrica sono elaborate dalla societa' a cui appartiene il soggetto espressamente indicato come autore.

L'agenzia di stampa Il Sole 24 Ore Radiocor declina ogni responsabilita' in ordine alla veridicita', accuratezza e completezza di tali analisi e invita quindi gli utenti a prendere atto con attenzione e la dovuta diligenza di quanto sopra dichiarato e rappresentato dalla societa'".

red-

(RADIOCOR) 25-05-24 14:28:21 (0332) 5 NNNN

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.