Approfondimento

Tipologia

Obbligazionari Area Euro - Corporate e Governativi

Obiettivo e politica di investimento

Il Base Investments Sicav Bonds Value è un fondo a gestione attiva che ha come obbiettivo quello di ottenere un rendimento superiore, entro un arco temporale di 3 anni, al benchmark di riferimento così composto: 80% FTSE Euro Broad InvestmentGrade Bond (EBIG) e per il 20% dal JPM CASH EURO 03 MONTHS. Al fine la strategia d’investimento seleziona prevalentemente titoli a reddito fisso, di cui un minimo del 51% in obbligazioni con rating almeno BBB-, un massimo del 25% in obbligazioni convertibili e del 20% in obbligazioni non investment gradeo prive di rating. Il gestore utilizza strumenti finanziari derivati al fine di copertura, di investimento e di gestione efficiente del portafoglio. Il comparto può essere esposto, tramite ETC o ETN, alle commodities in misura però non superiore al 10% del patrimonio.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Il comparto, lanciato nel 2001, ha realizzato un rendimento complessivo pari 140%, corrispondente a una performance media annua composta del 4,7%. Il trend, dopo sette anni di andamento laterale, ha cominciato a tracciare nel 2009 una fase rialzista piuttosto contenuta intercalata da correzioni fisiologiche avvenute nel 2012, nel 2016 e soprattutto nel 2018, causando quest’ultima il massimo draw down pari al 16,6%. Nel periodo della crisi finanziaria l’esposizione del fondo a prodotti finanziari poco rischiosi ha permesso di limitare fortemente le perdite, registrando performance negative di lieve entità solo da marzo a luglio 2008, riprendendosi poi molto velocemente. Nel 2019 il fondo ha registrato una ripresa dai minimi relativi del 2018 con un rendimento nell’arco dell’anno del 16%. Nei primi mesi del 2020, a causa della diffusione del Covid19, il NAV ha subito una brusca flessione registrando un drawdown del 18,90%; attualmente le perdite registrate sono state recuperate e il fondo sta raggiungendo nuovi massimi assoluti. Dal confronto con l’indice di categoria FIDA FFI Obbligazionari Area Euro – Corporate e Governativi emergono trend molto simili fino agli inizi del 2009, anno in cui il comparto comincerà a realizzare rendimenti più elevati. A partiredal 2012 la divergenza tra le quotazioni del fondo e dell’indice è progressivamente aumentata fino agli ultimi anni dove il fondo registra un sostenuto up trend mentre l’indice sembra essere in una fase laterale. In generale i rendimenti del FIDA FFI Obbligazionari Area Euro – Corporate e Governativi sono inferiori per ogni orizzonte temporale analizzato, accompagnati parimenti da una minore volatilità.

Costi e struttura del comparto

Il comparto è costituito da sette classi riservate sia ad investitori istituzionali che aperte al pubblico.Le classi denominate con la lettera I sono rivolte agli investitori istituzionali e praticano una commissione di performance dello 0,50%. Tutte le classi sono disponibili in 3 differenti denominazioni: euro, dollari e franchi svizzeri. Le classi aperte al pubblico presentano un importo minimo di sottoscrizione pari a 100 della valuta di denominazione e commissione di gestione pari all’1%. La classe L è liberamente negoziabile nel mercato ATFund di Borsa Italiana, prevede commissioni di gestione competitive pari allo 0,70% e importo minimo di sottoscrizione pari ad una singola azione. Su tutte le classi è inoltre presente una commissione di performance, calcolata mediante High Water Mark, del 15%.

Sintesi

Il livello di rischiosità individuato dall’indicatore di rischio SRRI è pari a 4, rappresentando un rischio medio in linea con la politica di gestioneincentrata sull’esposizione a prodotti obbligazionari corporatee governativi. L’utilizzo della leva finanziaria permette di amplificare l’esposizione degli strumenti obbligazionari con la possibilità di incrementare le performance rispetto all’indice di riferimento, come è avvenuto in passato. L’investimento è adatto a soggetti che perseguono una crescita del capitale anche detenendo lo strumento per un arco temporale ridotto (3 anni).

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 30/11/2020


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.