Approfondimento

Tipologia

Alessia Sicav Absolute Return Macro Q Acc EUR

Obiettivo e politica di investimento

Con particolare attenzione a mantenere una bassa correlazione verso i cicli congiunturali dell’economia, l’obiettivo del fondo è quello di generare un rendimento positivo nel tempo mantenendo un livello di volatilità ridotta. La politica di investimento si basa un una rigorosa analisi e ricerca di opportunità di investimento piuttosto flessibile, infatti il patrimonio può essere impiegato in un’ampia gamma di strumenti finanziari come azioni, obbligazioni societarie e governative, tassi di cambio e derivati (utilizzati sia per finalità di copertura sia di ottimizzazione del rendimento di portafoglio). La strategia posta in essere mira a ricercare ed individuare eventuali squilibri negli asset da cui trarre beneficio affiancata inoltre da un’attività di trading a breve termine volta a migliorare la performance del fondo. Il benchmark ufficiale di riferimento è il Libor 1 mese + 6%.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Il comparto lanciato a marzo del 2008 è stato interessato da una crescita esponenziale delle quotazioni fino alla metà del 2011 quando, forse anche a causa di un momento congiunturale instabile dovuto alla crisi del debito sovrano, si è verificata una perdita rilevante con livelli di draw down al 10%. Nei due anni successivi il fondo ha nuovamente ottenuto rendimenti positivi che hanno permesso il ritorno sui livelli precedenti e il raggiungimento del massimo assoluto qualche punto percentuale più in alto. Dal 2015 in poi le quotazioni oscillano in un canale laterale con prezzi che vanno dai 117 a 128 euro. Durante la diffusione del Covid19 nel secondo trimestre del 2020 il fondo ha reagito bene recuperando in pochi mesi il draw down del 6% registrato. Dal confronto con l’indice di categoria FIDA FFI Ritorno Assoluto Global Macro emerge che lo strumento riesce ad ottenere sistematicamente rendimenti superiori rispetto alla media di categoria mantenendo una volatilità contenuta intorno al 4%.

Costi e struttura del comparto

Il comparto è composto da 4 classi differenti tra loro concepite per soddisfare le necessità dei vari investitori. La classe Q, quotata sul mercato ATFund di Borsa Italiana, risulta avere le commissioni di gestione più competitive per l’investitore retail pari all’1,15% ed è possibile fare un investimento minimo pari ad una singola azione. La classe R e T, concepite anch’esse per una clientela retail, prevedono un investimento minimo iniziale pari a 5.000 euro e commissioni di gestione pari all’1,75%, rendendo l’acquisto per il piccolo investitore decisamente più oneroso. La classe T presenta inoltre delle commissioni di distribuzione. La classe I infine è destinata a investitori istituzionali e si distingue per costi di gestione minori al 1,25% e un versamento minimo di 250.000 euro. Tutte le classi descritte prevedono una commissione di over-performance rispetto all’High Water Mark del 20%.

Sintesi

Nonostante la natura del fondo, che fornisce al gestore ampia libertà in modo tale da ricercare rendimenti positivi a prescindere dalle condizioni di mercato, il rischio si colloca in una fascia medio/bassa. Infatti l’indicatore di rischio SRRI è pari a 3 in una scala da 1 a 7. Lo strumento è quindi adatto ad investitori costantemente alla ricerca di rendimenti nel lungo termine, che non vogliono esporsi troppo alle oscillazioni negative di mercato e intenzionati a diversificare il proprio portafoglio soprattutto in ottica di protezione dalle congiunture economiche avverse.

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 25/09/2020


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.