Approfondimento

Tipologia

Obbligazionari Area Euro - Corporate e Governativi (1-3 anni)

Obiettivo e politica di investimento

Il comparto AcomeA 12 mesi adotta una gestione attiva per raggiungere l’obiettivo di conservazione del capitale attraverso l’investimento in strumenti finanziari considerati a basso rischio. Infatti, tramite una selezione effettuata tenendo in considerazione l’evoluzione dei tassi di interesse e l’affidabilità degli emittenti il gestore intende posizionarsi sui diversi tratti della curva dei rendimenti. Il fondo investe il proprio capitale prevalentemente in strumenti obbligazionari e monetari di emittenti sovrani, sovranazionali, agenzie e, con un massimo del 50%, di emittenti societari operanti in qualsiasi settore. È permesso anche l’inserimento in portafoglio, purché in via residuale, di strumenti del risparmio gestito ma che comunque investono nelle medesime categorie. La detenzione della liquidità in depositi bancari è consentita fino ad un massimo del 50% del patrimonio. La durata media finanziaria (duration) del fondo oscilla perlopiù tra i 6 e i 12 mesi, ma è consentito un investimento residuale in prodotti finanziari con una durata contrattuale superiore ai 2 anni. Infine, il gestore si riserva la possibilità di utilizzare strumenti derivati per finalità di copertura e di investimento, avvalendosi di una leva finanziaria massima di 1,3, senza però alterare in maniera significativa l’esposizione del fondo ai mercati di riferimento. Il benchmark ufficiale con cui confrontare il rendimento del fondo è il BofA Merrill Lynch 0-1 Euro Broad Market Index, rappresentativo dei titoli emessi dalle società e dagli Stati dell’area euro aventi rating medio investment grade.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Il comparto è stato istituito nel 1993, focalizzando l’attenzione a partire da aprile del 2015, periodo di quotazione sul mercato della classe Q, l’andamento del Nav si contraddistingue subito per la volatilità ridotta. Infatti, nonostante lievi perdite, nei primi 3 anni di quotazione il Nav è rimasto stabile per poi diminuire ad inizio 2018, raggiungendo il minimo assoluto ma comunque con livelli di draw down molto contenuti pari allo 0,59%. Dopo il raggiungimento di tale prezzo si è avviato un trend rialzista interessante che ha fatto registrare nuovi massimi con tassi di rendimento a 3 anni dell’1,06%. Nel secondo trimestre del 2020 in concomitanza con la diffusione del Covid19, le quotazioni hanno registrato un draw down vicino al 6% anche se il recupero è stato repentino e attualmente il Nav sta registrando nuovi massimi. Complessivamente l’abilità del gestore ha permesso, mantenendo un profilo di rischiosità basso, di sovra-performare costantemente l’indice di categoria FIDA FFI Obbligazioni Area Euro - Corporate e Governativi (1-3 anni). La politica di investimento è però cambiata ad aprile 2019, per tale motivo i risultati passati non sono indicativi di ciò che avverrà in futuro.

Costi e struttura del comparto

Il comparto si compone di 3 classi diverse che si differenziano tra loro per le modalità di sottoscrizione. La classe Q2, l’unica liberamente negoziabile sul mercato ATFund di Borsa Italiana, risulta essere la più competitiva con commissioni di gestione pari allo 0,12% e prevede un investimento minimo iniziale pari a 1 quota. Le altre due classi, A1 e A2, presentano costi di gestione dello 0,24% e dello 0,12%. Nessuna classe appartenente al comparto richiede il pagamento di commissioni di performance.

Sintesi

Il comparto è destinato ad investitori con un orizzonte temporale di breve periodo ed è compatibile con un obiettivo di allocazione della liquidità. L’indice SRRI pari a 2 su 7 è rappresentativo di un investimento con una bassa rischiosità, coerentemente con la tipologia d’investimenti effettuata dal gestore. Ulteriori fonti di rischio possono essere rappresentate dalla componente derivata e dal rischio emittente, data la natura obbligazionaria degli investimenti.

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 25/09/2020


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.