Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Risparmio

La cessione del quinto cresce del 10%

FTAOnline, Milano  02 Giu 2014 - 08:14

Copre ormai più di un quarto delle domande di credito



La cessione del quinto dello stipendio aumenta in modo costante a testimonianza del fatto che riscuote sempre maggior successo soprattutto tra i dipendenti privati. Nel Sud Italia la richiesta di importi più alti.

I dipendenti privati più attratti dalla cessione del quinto
La cessione del quinto come forma di credito è in costante aumento e, secondo l’osservatorio periodico di Facile.it e Prestiti.it, più di un quarto delle richieste di prestito presentate in Italia negli ultimi sei mesi è costituito proprio dalla cessione del quinto.

In particolare il ricorso a questa tipologia di finanziamento negli ultimi due anni ha registrato un aumento del 10 per cento. Ormai la cessione del quinto dello stipendio riguarda il 26,8% del totale delle richieste di prestiti. Erano appena al 16,4% nel maggio del 2012.

I risultati tratti dall’analisi condotta su un campione di 40.000 richieste inoltrate tra il novembre 2013 e l’aprile 2014 indicano che i dipendenti privati (58,6%) sono di gran lunga quelli che fanno il maggior ricorso alla cessione del quinto, mentre i dipendenti pubblici rappresentano il 22% dei richiedenti e i pensionati il 16 per cento.

A richiedere gli importi più alti sono i residenti in Sicilia (20.000 € la richiesta media) seguiti da chi risiede in Alto Adige (19.500 €)  e dai sardi ( 19.000 €). Emerge che in media le donne richiedono importi più bassi di quelli richiesti dagli uomini anche a causa di stipendi in genere più bassi. L’età media del richiedente è però quasi uguale tra i due sessi (43 per gli uomini e 44 anni per le donne).


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.