Pensionate italiane, il 16,1% sotto la soglia di povertà

Previdenza complementare ancora poco diffusa tra le donne



FTAOnline, Milano, 23 Mag 2014 - 18:17


La pensione si costruisce lavorando: ancora più vero da quando – con le ultime riforme – si è passati al sistema contributivo. Succede, così, che anche gli assegni previdenziali riflettano gli squilibri e le imparità presenti nel mondo del lavoro.

Secondo i dati Istat, per esempio, la pensione delle donne italiana è pari a 12.840 euro in media, contro i 18.435 euro lordi di quelle degli uomini.

Sotto la soglia di povertà
Il dato deve essere valutato con attenzione. In base all’indagine The Younger Wife’s Curse realizzata dal Gruppo Allianz, infatti, il 16,1% delle donne italiane con più di 65 anni ha un reddito inferiore a quello che segna la soglia di povertà.

Viste le caratteristiche del nuovo sistema previdenziale, un ruolo importante nella solidità economica dei futuri pensionati italiani sarà giocato dal settore della previdenza complementare. In quest’ottica, bisogna sottolineare quanto il tasso di partecipazione femminile al settore sia ancora basso e non oltrepassi il 25,7% (tra tutti gli iscritti a forme di previdenza privata, solo il 36% sono donne).

Segnali incoraggianti, tuttavia, si hanno se si restringe l’indagine all’universo dei lavoratori under 35. Guardando i numeri, infatti, si scopre che solo il 9% degli uomini iscritti a fondi pensione appartiene a questa fascia d’età; per quanto riguarda l’universo femminile, la percentuale sale al 18%.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.