Il crollo degli assegni pensionistici

Calano del 35,5% le nuove pensioni rispetto al 2011



FTAOnline, Milano, 26 Ott 2012 - 18:14

Nei primi nove mesi del 2012 gli assegni liquidati dall’Inps sono diminuiti con percentuali in doppia cifra.
Il dato è il risultato dell’introduzione a partire dal 2011 della finestra mobile e dello scalino previsto dalla riforma Damiano. Gli effetti della riforma Fornero invece si avvertiranno dal 2013: sarà il prossimo, infatti, l'anno in cui si esaurirà la gran parte delle uscite con le vecchie regole.

Effetti della Fornero solo dal 2013
Non è ancora il momento della riforma Fornero, ma le modifiche al sistema pensionistico introdotte negli scorsi anni hanno sortito gli effetti voluti: da gennaio a settembre 2012 gli assegni liquidati dall’Inps, compresi quelli Inpdap, sono calati del 35,5% rispetto allo stesso periodo 2011.
Il drastico calo è stato la conseguenza dell'introduzione nel 2011 della finestra mobile (12 mesi di attesa per i dipendenti, 18 per gli autonomi una volta raggiunti i requisiti) e dello 'scalino' previsto dalla riforma Damiano sempre per il 2011 per la pensione di anzianità con le quote (da 59 a 60 anni l'età minima a fronte di almeno 36 anni di contributi).
Nel dettaglio, attendendo gli effetti della riforma Fornero previsti per il 2013, l’Inps ha liquidato 140.616 pensioni nel settore privato (-37,4% rispetto alle 224.869 erogate nello stesso periodo del 2011) e 58.939 nel settore pubblico, quello finora gestito dall'Inpdap, ora incorporato nell'Inps (-22,2% rispetto alle 84.599 erogate nello stesso periodo del 2011). In totale sono stati liquidati 110 mila assegni in meno rispetto a quelli liquidati dei primi nove mesi dell’anno scorso.

Nel privato riduzione più ampia del previsto
Nel settore privato, la riduzione del numero delle pensioni è stata superiore alle previsioni (148.948 assegni per i primi 9 mesi) e per gli anni a venire si prevede che tale trend si consolidi.
Dall'anno prossimo, infatti, si esauriranno le uscite dal lavoro di quanti possono ancora godere delle vecchie regole previdenziali, mentre si inizierà a entrare in pensione secondo quanto previsto dalla riforma Fornero.
Secondo il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua i dati sull'andamento delle pensioni confermano che “le riforme funzionano” e che i conti “sono stati messi in sicurezza”.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.