Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Nel 2014 gli stipendi orari crescono appena dell’1,3%

E’ la crescita della retribuzione contrattuale più bassa dal 1982



FTAOnline, Milano, 03 Feb 2015 - 17:27

Gli stipendi crescono, ma pochissimo. L’Istat ha rilevato che nel 2014 in media le retribuzioni contrattuali orarie sono cresciute dell’1,3% rispetto al dato di un anno prima, ma la variazione è la più bassa dal 1982, anno in cui è stata avviata la raccolta dei dati. Su questo risultato influisce fortemente il livello bassissimo di inflazione.

I maggiori scatti nel settore della gomma, nelle telecomunicazioni e nel tessile
L’Istituto di statistica nazionale ha calcolato che alla fine di dicembre soltanto il 44,5% dei dipendenti occupati ha un contratto collettivo nazionale e le loro retribuzioni coprono il 41,5% del monte retributivo complessivo osservato dall’Istat.

In particolare nel mese di dicembre l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è rimasto sui livelli di novembre e ha registrato un incremento dell’1,1% appena sul dato di un anno prima. La media annua, come detto, registra un timido +1,3 per cento.
Pesa sulla debolissima crescita degli stipendi orari, evidenzia ancora l’Istat, il comparto della Pubblica Amministrazione, dove i contratti sono bloccati dal 2010 e lo saranno per tutto il 2015. I dipendenti del settore privato registrano invece una crescita delle retribuzioni contrattuali orarie dell’1,3 per cento.

I settori che nel mese di dicembre sono riusciti a raggiungere gli incrementi tendenziali maggiori sono: telecomunicazioni (3,5%); gomma, plastica e lavorazioni di minerali non metalliferi (3,3%); tessili, abbigliamento e lavorazione pelli (2,9%). Il settore del commercio, così come tutti i comparti della pubblica amministrazione, ha invece registrato una variazione nulla.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.