Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

I dipendenti statali guadagnano di più dei privati

Assegni più pesanti in Inps e Inail nonostante il blocco degli stipendi



FTAOnline, 25 Giu 2015 - 12:59

Nonostante abbiano gli stipendi bloccati dal 2011 i dipendenti pubblici guadagnano di più dei privati secondo i dati divulgati dalla Cgia di Mestre che individua gli assegni più pesanti negli enti previdenziali.

2 mila euro in più agli statali anche a stipendi bloccati

I dipendenti pubblici vincono il derby con i privati in tema di retribuzioni anche se i primi hanno gli stipendi bloccati dal 2011.

A fare i conti ci ha pensato la Cgia di Mestre che, tramite il suo Ufficio studi, ha evidenziato come i primi, nel 2014, abbiano intascato mediamente 34.286 euro mentre i secondi si siano fermati a quota 32.315 euro.

Negli ultimi 15 anni, l’incremento degli stipendi del settore privato è stato del 58,9% mentre nel pubblico la crescita è stata del 70,8%.

Gli assegni più pesanti sono emessi dagli enti previdenziali (Inps e Inail) con un dato medio lordo pari a 44.199 euro. A seguire si trovano Comuni. Province e Regioni con 35.651 euro e gli occupati nelle Amministrazioni centrali che ricevono mediamente 33.003 euro lordi annui.

L’indagine della Cgia indica anche che i dipendenti privati sono più numerosi di quelli pubblici: nelle aziende a conduzione privata trovano lavoro 9.484.000 occupati, nel pubblico gli "stipendiati" sono 3.334.000 (- 6,1% rispetto al 1995).

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.