Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Maggio, retribuzioni in crescita

Nei primi cinque mesi l'indice della retribuzione media contrattuale oraria cresce dell’1,4%



FTAOnline, Milano, 27 Giu 2014 - 15:07

A maggio, gli italiani hanno guadagnato un po’ di più. Il dato risulta dalle rilevazioni Istat relative all’indice delle retribuzioni contrattuali orarie. I numeri, in particolare, evidenziano come le retribuzioni – pur restando prossime ai livelli più bassi di sempre – continuino a crescere a una velocità superiore a quella dell’inflazione.


Inizio anno col segno più
Nei primi cinque mesi del 2014, l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie non ha mai smesso di crescere: a maggio, l’Istat ha certificato una crescita dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,3% rispetto al maggio del 2013. Prendendo in considerazione l’intero periodo, l’indice delle retribuzione media contrattuale orarie tra 2014 e 2013 è avanzato dell’1,4%. Numeri complessivamente positivi che, pur non discostandosi troppo dai livelli più bassi mai toccati, risultano comunque superiori al livello dell’inflazione (0,5%).

Nelle telecomunicazioni gli aumenti maggiori
A brindare al mese di maggio sono soprattutto i lavoratori del settore delle telecomunicazioni, per cui l’indice di retribuzione media è cresciuto del 3,1%. Aumenti abbastanza consistenti anche per quel che riguarda i settori gomma, plastica e lavorazione minerali non metalliferi (3,0%) ed estrazione minerali (2,9%).
Ferme al palo, invece, le retribuzioni nel settore edile e nei vari comparti della pubblica amministrazione.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.