Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lavoro

Lavoro: cresce la rete di sostegno informale

FTAOnline, Milano  14 Ott 2015 - 14:26

Sempre più persone chiedono aiuto a parenti e amici quando di trovano in difficoltà



Il ricorso a parenti e amici quando ci si trova in difficoltà è sempre più frequente e è comparabile con il ricorso al credito al consumo.
Il ricorso all’aiuto informale aumenta con la disoccupazione e con la difficoltà ad arrivare a fine mese.

La crisi spinge a chiedere aiuto a parenti e amici

La crisi cambia le abitudini degli italiani e rimette in gioco l’importanza di poter contare su parenti e amici quando si è in difficoltà.

E’ quanto emerge da uno studio di Bankitalia secondo il quale il sostegno della rete informale è comparabile a quello del credito al consumo.

Nel dettaglio, mentre la quota di famiglie che hanno ricevuto aiuto da conoscenti era pari al 3,9%, tra il 2006 e il 2008 e durante la crisi, la percentuale è salita al 4,5%.

Sono i più giovani (con meno di 35 anni) a ricevere aiuto dai più anziani ma dal 2010 il ricorso a questa nuova forma di "credito" è frequente anche per le famiglie con a capo un adulto tra i 35 e i 44 anni.

L’indagine sottolinea come un terzo dei disoccupati abbia chiesto aiuto durante la crisi: erano la metà nel 2006-2008.

Le famiglie che hanno fatto ricorso a una rete di sostegno alternativa a quella del credito sono molto fragili dal punto di vista finanziario (il 77% ha infatti difficoltà ad arrivare alla fine del mese).

Proprio per l’aumento delle famiglie beneficiarie e dell’importo ricevuto il valore complessivo della rete di sostegno informale è aumentata, sempre durante la crisi, del 48% pari al 38% del credito al consumo di tutte le famiglie.

I dati di Bankitalia evidenziano dunque l’elevata fragilità di questi nuclei famigliari che non riesce a fare fronte del tutto alle proprie necessità.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.