Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lavoro

Lavoro: boom di contratti nei primi tre mesi

FTAOnline, Milano  22 Mag 2015 - 17:44

Il lavoro dipendente cresce grazie agli sgravi contributivi previsti dal Jobs Act



L’esonero contributivo previsto dalla legge di Stabilità spinge la crescita dei nuovi rapporti di lavoro in particolare di quelli a tempo indeterminato.
Positivo il giudizio di Cisl e Uil, critica la Cgil.

Tornano a crescere gli occupati e i contratti si stabilizzano

Arrivano buone notizie dall’Inps che diffonde, relativamente al mercato del lavoro, dati più positivi di quanto fatto dall’Istat in precedenza.

L’Istituto indica che, nei primi tre mesi dell’anno, sono stati attivati oltre 1,33 mln di contratti di lavoro mentre i rapporti cessati sono stati 1,012 mln con un saldo positivo di 319.873 unità
(+138% sul 2014).

Le assunzioni a tempo indeterminato sono state 470.785 per una crescita percentuale, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, del 24,1%.

Più in dettaglio, nel trimestre sono stati 268.000 i posti di lavoro creati grazie all’esonero contributivo previsto dalla legge di stabilità con 206.786 nuove assunzioni a tempo indeterminato e 61.184 trasformazioni di contratti a termine.

Positivi i commenti di Cisl che, tramite il segretario generale Annamaria Furlan, fa sapere che la quota di assunzioni a tempo indeterminato si sta avvicinando al 50% rispetto al 30% riscontrato in precedenza.

Per la Uil, i dati indicano un trend positivo per i lavoratori anche se questo percorso è stato costruito mediante una riduzione delle tutele a beneficio degli stessi.
Per il sindacato, guidato da Carmelo Barbagallo, è necessaria una politica di investimenti mirati che possa portare ad un consolidamento della crescita occupazionale.


Critica invece la Cgil, che parla di "regalo alle imprese" fatto attraverso gli sgravi fiscali per le assunzioni stabili e non selettivo per la nuova occupazione.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.