Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Crescono le imprese che intendono assumere

Arrivano segnali incoraggianti dal mercato occupazionale italiano



FTAOnline, Milano, 25 Mag 2015 - 10:06

Nel primo scorcio dell’anno aumenta il numero di imprese che hanno programmato nuove assunzioni.
La creazione di nuova occupazione si deve allo slancio delle imprese di medio- grandi dimensioni

5 mila imprese in più vogliono assumere

Il mercato del lavoro italiano dà segnali incoraggianti nel primo trimestre 2015.

Secondo quanto riporta un approfondimento delle previsioni di assunzione del settore privato, monitorato dal Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministro del lavoro, le imprese che intendono assumere sono 5 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2014.

Nel dettaglio, nonostante le attività più numerose pronte ad assumere siano quelle di minore dimensione (58.mila per un totale di 126.200 entrate), la creazione di nuova occupazione si deve tuttavia alla spinta delle 8.600 imprese che hanno tra i 50 e i 249 dipendenti che hanno programmato 30.000 nuove entrate di cui 6.700 rappresentano nuovi posti di lavoro.

Le imprese con oltre 250 dipendenti hanno pianificato invece 53.500 nuove entrate di cui 5.200 aggiuntive.

In pole position il settore dei servizi con 56mila imprese pronte ad assumere seguite da 18.500 imprese manifatturiere e da 8.600 imprese edilizie pronte ad assumere nei primi tre mesi 2015.

Per quanto riguarda la ripartizione geografica, sono le imprese del Nord-Ovest che hanno il maggior numero di imprese la maggior entrata  di personale (25.100).

Sono comunque oltre 22.300 le imprese meridionali che hanno programmato assunzioni, 19.200 quelle del Nord-Est e 16.100 quelle del Centro.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.