Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lavoro

Lavoro: servono più laureati ICT

FTA Online News, Milano  18 Gen 2019 - 12:40

Continua a espandersi il mondo dell’information and Communication Technology ma mancano le risorse



Le aziende italiane mostrano un’accelerazione verso la digitalizzazione gloale ma faticano a trovare le competenze tecnologiche per favorire il cambiamento in atto e a formare profili. È sempre il nord-ovest a fare da traino del mercato digitale.

Sono 64 mila le offerte di lavoro pubblicate in rete

C’è un settore in continua crescita e espansione e che offre concrete opportunità di lavoro i giovani.
Si tratta del mondo dell’Information and Communications Technology che ha pubblicato solo in rete 64 mila offerte di lavoro (+ 7% rispetto al 2016).
E le prospettive potrebbero addirittura migliorare, per il biennio 2018-2020, con la previsione di 88.000 nuovi posti di lavoro per gli specialisti in ICT.
È quanto emerge dall’ultima ricerca dell’osservatorio delle Competenze digitali, condotto dalle maggiori associazioni ICT in Italia la quale, nel dettaglio, indica come figura più richiesta sia quella degli sviluppatori (+19%) seguiti dai consulenti (richiesti in un annuncio su 6).
A livello geografico, è il Nord Ovest a fare da traino con la Lombardia in pole position con quasi la metà delle posizioni aperte (48%).

Serve un sistema di politiche per la formazione e il lavoro

Le aziende corrono e servono più laureati in grado di colmare l’offerta.
Per il 2018 per le aziende è previsto un fabbisogno che oscilla tra i 12.800 e i 20.500, mentre l'università dovrebbe laurearne poco più di 8.500: un divario che arriva al 58%. E ancora, i laureati crescono ma ad un ritmo troppo lento (7.700 unità) ma calano gli specialisti in informatica (4.460).
La ricetta, proposta dall’osservatorio, è la creazione di un sistema di politiche per la formazione e il lavoro delle nuove professioni Ict. L’auspicio è che si realizzi in tempi brevi.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.