Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lavoro

Estate nera per il commercio

FTAOnline, Milano  19 Set 2014 - 18:04

A luglio e agosto, due imprese chiuse per ogni nuova apertura



Le stime di Confesercenti dipingono un settore del commercio in ginocchio, piegato dalla crisi: in particolare, dopo la pausa estiva, per ogni nuova impresa nata sarebbero due quelle che hanno deciso di non rialzare le saracinesche.

Male il commercio al dettaglio

Luglio e agosto sarebbero dunque stati mesi neri per il settore del commercio al dettaglio (bar, ristoranti, negozi di abbigliamento,  librerie etc.) e avrebbero convinto – secondo Confesercenti – a chiudere i battenti due imprese per ogni nuova nata.
Impietosa la fredda aritmetica: dopo il periodo estivo, 5.400 hanno cessato l’attività, mentre 2.600 sono quelle che hanno iniziato la loro avventura.

Un flop anche i saldi

La ripresa, insomma, pare ancora lontana e i consumi stentano a riprendere.


Anche il Codacons conferma il flop dei saldi estivi con una flessione delle vendite compresae tra il 5% e l’8% rispetto al 2013 e le famiglie che hanno speso al massimo 65 euro.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.