Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Nuovo boom per i buoni lavoro

I voucher nati per pagare il lavoro accessorio chiudono il 2015 con numeri record



FTAOniline, Milano, 15 Mar 2016 - 09:08

Le prestazioni lavorative pagate attraverso i buoni lavoro registrano un successo sempre più esteso anche per effetto della legge Fornero che ha eliminato ogni limite di settore per il loro utilizzo.

Crescita inarrestabile per i voucher

Numeri da primato per l’utilizzo dei voucher che, dopo la rimozione di qualsiasi limite di settore per il loro riutilizzo da parte della riforma Fornero, chiudono il 2015 con crescita del 66% rispetto al 2014.

Nel dettaglio, stando a quanto divulgato dall’ufficio studi della Uil, su 17 milioni di lavoratori dipendenti, 10 su 100 sono stati pagati con almeno un "buono lavoro".

Cambia anche la fascia d’età legata all’utilizzo di questo strumento. Se infatti, nel 2009, uno su due aveva almeno 50 anni mentre, nel 2014, oltre il 40% dei voucheristi ha fino a 29 anni.

Oltre il 50% dei voucher sono infine utilizzati nel settore del commercio, del turismo e dei servizi mentre sono poco utilizzati in agricoltura, lavoro domestico e attività sportive.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.