Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Il 2014 è stato un anno nero per commercio e turismo

Confesercenti denuncia: mercato interno ancora in crisi



FTAOnline, Milano, 14 Mar 2014 - 17:12

Gli effetti devastanti del 2013 condizionano la partenza del 2014 che si rivela amaro per commercio, intermediazione e turismo. Chiudono soprattutto gli over 50, mentre i giovani e gli stranieri avviano la maggior parte delle attività.

A tirare giù la serranda donne e imprenditori over 50
Confesercenti, tramite il suo Osservatorio, lancia l’allarme per il settore del commercio e del turismo che ha iniziato con il piede sbagliato il 2014.
Gli strascichi della crisi vissuta nel 2013 si sono fatti sentire anche nel gennaio e nel febbraio del 2014, mesi in cui questi settori hanno registrato oltre 29.000 chiusure per un saldo negativo pari a 17.723 unità, il dato più basso degli ultimi 40 anni.

A tirare giù la serranda sono state soprattutto donne e imprenditori over 50, mentre l’apertura della nuove attività è dovuta specialmente ai giovani e agli stranieri.
L’emorragia di imprese ha colpito un po’ovunque, ma spicca la cattiva prestazione di Roma con un saldo negativo di 682 imprese nei settori  Commercio, Turismo, intermediazione. A ruota seguono Torino (-425) e Milano (-297).
Pertanto la recessione non va assolutamente sottovalutata; sono anzi auspicabili interventi con strumenti legislativi che possano rilanciare i consumi come, ad esempio, il taglio del cuneo fiscale.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.