Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Il 2013? Un anno nero per il lavoro

Le domande di disoccupazione e mobilità continuano a crescere



Milano, FTAOnline, 12 Dic 2013 - 17:43

La crisi continua a mettere a dura prova il tessuto socio-economico del Bel Paese. Alle proteste, che attraversano sempre più spesso le piazze italiane, si aggiungono ora i numeri che descrivono la salute del mercato del lavoro. L'Inps certifica infatti scenari foschi: domande di mobilità e disoccupazione in crescita, Cassa integrazione ancora prossima al miliardo di ore.

Anche a novembre dati in peggioramento
L'Osservatorio dell'Inps non usa giri di parole: nei primi 10 mesi del 2013 il mercato del lavoro in Italia è rimasto fermo. A novembre le cose non sono migliorate. Il Bel Paese continua a soffrire sul fronte dell'occupazione e da gennaio a ottobre del 2013, le domande di disoccupazione e mobilità sono cresciute di oltre il 31% rispetto allo stesso periodo del 2012. In termini assoluti, nei primi dieci mesi del 2013 sono state presentante complessivamente 1.726.898 domande di disoccupazione contro 1.316.515 domande presentate nello stesso periodo dell'anno precedente.


Leggermente diversi i numeri della Cassa integrazione, che comunque confermano uno scenario di difficoltà. Nel periodo gennaio-novembre 2013 le domande di cassa integrazione per tutte le diverse forme (Cigo, Cigs, Cigd) sono lievemente calate (-1,41%), ma si sono comunque mantenute a quota 989,9 milioni di euro su livelli ancora troppo elevati.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.