Contratto a tempo indeterminato: continua la crescita

Gli avviamenti al lavoro degli under 30 sono quadruplicati grazie anche alla centralità della formazione



FTA Online News, Milano, 12 Mar 2020 - 17:15

I contratti a tempo indeterminato crescono grazie all’apporto decisivo delle politiche di avviamento al lavoro che hanno riportato al centro il tema della formazione e del consolidamento delle competenze.
Ottimi anche i risultati ottenuti rispetto all’occupazione femminile.

 

Contratto a tempo indeterminato: competenza e formazione sono essenziali

La crescita delle assunzioni a tempo indeterminato è possibile anche e soprattutto grazie ai progetti di alternanza scuola-lavoro e grazie all’impegno delle persone coinvolte e degli istituti per fornire una formazione di qualità.
La centralità dello sviluppo di percorsi di formazione preliminare in funzione di una crescita occupazionale stabile è descritta ampiamente nel Report 2019 di Umana (agenzia per il lavoro).
Il Report ha confrontato i dati relativi al 2019 con quelli dell’anno precedente e con quelli generali degli ultimi 5 anni (2015-19) evidenziando il trend positivo (+1,74) dell’avviamento al lavoro dei dipendenti under 30 una fascia che, da sola, costituisce il 47,05% del totale (il 40,1% è nella fascia d’età 30-49 e il 12,8% negli over 50). Più nel dettaglio, tra gli under 30 avviati al lavoro nel 2019 emerge un +4,33% al di sotto di 20 anni a conferma di un trend molto positivo che si è consolidato grazie alla collaborazione di diversi istituiti tecnici operanti sul territorio a testimonianza di quanto sia importante la formazione di personale qualificato per le aziende.
Del resto a testimonianza di questo successo arriva un +408% di contratti a tempo indeterminato nel 2019 rispetto al 2018 (negli ultimi tre anni il 47,5% sono under 30, il 41,2% nella fascia 30-40, l’11,3% over 50)

 

Contratto a tempo indeterminato: molto bene anche le donne

Positivi anche i dati he riguardano gli avviamenti al lavoro delle donne dove si registra un distacco del +3,4% per le donne over 50 rispetto agli uomini anche per effetto, sempre secondo Umana, della crescita dei servizi alle persone e alle famiglie: in questo settore è impiegato il 10% di tutta la popolazione femminile con più di 50 anni di età avviata con percorsi di qualificazione o riqualificazione professionale.
I dati 2019, conclude il Rapporto, ci danno conto di un mondo legato all’impresa pervaso da dinamismo e continui cambiamenti in cui il rinnovamento delle competenze consente alle imprese di gestire la forza lavoro in modo più efficiente garantendo anche e soprattutto una continuità di rapporto in ambito lavorativo.

 

Articoli correlati

Mercato del lavoro 2019: trend in crescita nei mesi estivi

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.