Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lavoro

La disoccupazione rialza la testa

FTAOnline, Milano  07 Apr 2015 - 09:49

Dopo i segnali positivi di dicembre e gennaio il mercato del lavoro subisce un arresto

I dati Istat segnalano sia un calo del numero degli occupati sia un aumento del tasso di disoccupazione a febbraio rispetto al mese precedente.
Cresce anche il tasso di disoccupazione giovanile mentre i sindacati chiedono al Governo di cambiare strategia.

Istat: a febbraio la disoccupazione risale al 12,7%

Arrivano brutte notizie dal mercato del lavoro che registra una battuta d’arresto dopo i dati positivi di dicembre e gennaio.
Secondo i dati diffusi dall’Istat, a febbraio si è registrato sia un calo del numero degli occupati sia un aumento del tasso di disoccupazione.
Quest’ultimo, in particolare, è cresciuto dello 0,1% rispetto a gennaio e dello 0,2% rispetto a febbraio 2014, raggiungendo il 12,7%.
Cresce anche il tasso di disoccupazione giovanile, che è salito a febbraio di 1,3 punti percentuali arrivando, nel complesso, al 42,6%.
Guardando al totale della popolazione di età compresa tra 15 e 24 anni si scopre che quasi 11 ragazzi su 100 pur cercando lavoro non lo trovano.
L’Italia rimane quindi in grande difficoltà rispetto agli altri Paesi dell’Eurozona che hanno un tasso di disoccupazione medio dell’11,3% secondo gli ultimi dati diffusi da Eurostat.
In particolare, spiccano il dato della Germania, dove il tasso di senza lavoro a marzo si attesta al 6,4% dal 6,5% di febbraio.
Esprimono preoccupazione per i dati Istat i sindacati che chiedono all’unisono al Governo di cambiare strategia.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.