Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Rinnovabili: nuove energie al mercato del lavoro


2 milioni di posti di lavoro “verdi”


FTAOnline, Milano 07 Gen 2009 - 10:36

Non arretra davanti alla crisi finanziaria il settore delle rinnovabili, determinato a raggiungere, e possibilmente, superare l'obiettivo del 20%, fissato da Bruxelles per le energie verdi entro il 2020. Buone le prospettive anche per l’occupazione che nonostante la recessione dovrebbe aumentare nel settore durante i prossimi anni.

Oltre a migliorare la situazione ambientale, quindi, le fonti rinnovabili di energia stanno creando un numero sempre crescente di posti di lavoro.

Numeri in crescita

I lavoratori occupati, direttamente o indirettamente, nel settore dell’energia rinnovabile sono attualmente 2,3 milioni in tutto il mondo, almeno stando alle stime di un rapporto del Worldwatch Institute di Washington. Ma si tratta di un dato per difetto, visto che le cifre fornite sono incomplete. L’eolico impiega non meno di 300.000 persone, il fotovoltaico quasi 170.000 e il solare termico dà lavoro ad almeno 624.000 persone. Biomassa e biocarburanti poi battono tutti, assicurando un milione di posti di lavoro. Secondo le stime della Global Wind Energy Outlook, l’eolico dovrebbe garantire lo scenario più avanzato, con possibilità di creare fino a 2,1 milioni di posti nel 2030 e ben 2,8 nel 2050. Mentre per la Solar Generation IV, (un rapporto del 2007 dell’ Associazione dell’Industria Europea Fotovoltaica e di Greenpeace International), si prevede nel 2030, nella migliore delle ipotesi, un’occupazione per 6,3 milioni di persone.

Prospettive in verde per l’Europa

Ottimismo anche nella vecchia Europa sul versante occupazionale. La Segretaria generale del Consiglio europeo per l'energia rinnovabile (EREC), Christine Lins, infatti, valuta che gli investimenti in energie verdi genereranno sul lungo periodo buoni profitti oltre a favorire l'occupazione. Il settore, che già impiega 400.000 addetti con un turnover di 40 miliardi di euro,secondo le stime EREC, fornirà nuovo ossigeno all'economia europea con due milioni di posti di lavoro.

Traguardi a portata di rinnovabili

A riportare l’avanzata del settore è la nuova Road Map preparata dall'EREC (European Renewable Energy Council) un'organizzazione che parla a nome dell'industria, del commercio e della ricerca europea delle rinnovabili. Produttori di pannelli solari e fotovoltaici, di eolico e di altre tecnologie ''verdi'' assicurano di poter fornire con le rinnovabili più del 20% del consumo energetico generale. La tecnologia e' in grado di farlo. Il settore, a seconda del grado di efficienza energetica raggiunta, coprirà una parte tra il 33 e il 40% dei bisogni europei di elettricità, il 25% del riscaldamento.

Buone notizie anche per i biocarburanti che saranno in grado di sostituire il 10% del consumo di carburanti fossili. Le stime dell'industria rinnovabile sono basate su uno scenario di crescita annuale possibile, differenziato per tecnologie. Proiezioni da cui risulta che alcuni settori svilupperanno obiettivi più ambiziosi dimostrando, così, che l'industria europea può fornire molto più del 20% di energia verde imposto da Bruxelles. Condizione sine qua non per raggiungere i traguardi indicati e' che gli stati membri continuino a sviluppare il proprio potenziale per le rinnovabili e ad investire nelle nuove tecnologie. Mentre alcuni paesi Ue vorrebbero fare marcia indietro sul fronte delle energie alternative, preoccupati dai costi ingenti che comporterà attuare la proposta della Commissione europea con obiettivi differenziati per le rinnovabili, l'EREC sposa la posizione assunta dall'esecutivo.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.