Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Ecco i mestieri scaccia crisi


La lista delle professioni a maggior tasso di crescita secondo la Cgia di Mestre


FTAOnline, Milano 01 Ago 2012 - 17:42

La Cgia di Mestre stila uno speciale “borsino” di quelle che dovrebbero essere le professioni più richieste in questo tempo di crisi economica. Il risultato finale è stato ottenuto cpnfrontando gli indici rilevati nel terzo trimestre del 2012 con quelli relativi allo stesso periodo dell'anno precedente.

Le professioni più richieste sono quelle a bassa specializzazione

Tempo di crisi? Certamente, ma non per tutti. In un mercato del lavoro in cui sempre più persone faticano a trovare spazio, ci sono figure professionali che guardano al futuro prossimo con speranza, attendendosi complessivamente circa 20mila posti di lavoro in più rispetto all'anno precedente. Quali sono? Si tratta di professioni non sempre di alta specializzazioni, ma fondamentali per mantenere in piedi i rispettivi settori. Nel dettaglio, la Cgia di Mestre consiglia di guardare con cauto ottimismo al futuro a: cuochi, camerieri, segretarie, addetti alla pulizia e alle persone, operai specializzati nell’edilizia, addetti all’accoglienza, conduttori di impianti industriali, addetti alla sanità e al sociale, operai specializzati nell’industria alimentare, in quella del legno e carta.

Secondo i risultati dell'elaborazione effettuata dall'associazione mestrina sulla base di dati provenienti da Unioncamere, rischia invece di accusare in maniera particolare il colpo della crisi chi cerca impiego come: specialista in scienze economiche, operaio specializzati nell’industria, operaio metalmeccanici, personale non qualificato nell’industria e nella logistica, facchino, commesso nei negozi e altro personale occupato nella grande distribuzione e negli esercizi all’ingrosso. Considerando queste professioni, la crisi, stima la Cgia, potrebbe far saltare complessivamente quasi 22mila posti di lavoro.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.